Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

A Febbraio 2009 aumento del 1.048% della CIG.


A Febbraio 2009 aumento del 1.048% della CIG.
08/03/2009, 08:03

Nell’industria metalmeccanica a Febbraio la Cassa Integrazione Ordinaria è cresciuta di più del 1.048% rispetto allo stesso mese del 2008. I dati pubblicati dall’INPS confermano la gravità della crisi nell’insieme dei settori dell’industria metalmeccanica: Con 23 milioni di ore di Cassa Integrazione Guadagni nel solo mese di Febbraio 2009, e con un incremento del 430% sullo stesso periodo dello scorso anno, tali settori rappresentano più del 60% di tutta la Cassa Integrazione Guadagni nell’industria”.
Il pacchetto di ore è pari all’assenza dal lavoro per l’intero mese di 150.000 lavoratori. In realtà, i soggetti interessati dalla Cassa Integrazione guadagni superano le 200.000 unità dato che la sospensione è realizzata in molte aziende, a rotazione, mediamente riguarda un periodo di due o tre settimane. Se si guarda alla sola Cassa Integrazione Ordinaria , inoltre, si registra un aumento vertiginoso di oltre il 1.048% rispetto al fFbbraio 2008, confermando l’andamento preoccupante del dicembre 2008, che aveva avuto poi una lieve attenuazione nel mese di Gennaio 2009.
Le regioni più colpite sono il Piemonte e la Lombardia, che rappresentano oltre il 60% di tutta la Cassa Integrazione guadagni del settore e il 53% della totalità dei metalmeccanici. Segnali particolarmente negativi arrivano da Marche e Campania, dove si registra una vera e propria esplosione della cassa integrazione straordinaria. Nel periodo Novembre 2008-Febbraio 2009, sono state autorizzate dall’Inps, per le aziende metalmeccaniche, oltre 67 milioni di ore di Cassa Iintegrazione Guadagni . Tra queste, 50,3 milioni di ore riguardano la Cassa Integrazione guadagni Ordinaria, che ha interessato centinaia di migliaia di lavoratrici e di lavoratori. Una condizione socialmente insostenibile che rischia di protrarsi, se non di aggravarsi, nel corso dell’anno, con una perdita di salario che varia oramai tra il 40 e il 50% dello stipendio mensile, senza considerare che è frequente che in una stessa famiglia siano in cassa integrazione sia la moglie che il marito.Oppure, come nelle regioni Meridionali, siamo di fronte ad un solo reddito.


 

Commenta Stampa
di Raffaele Pirozzi
Riproduzione riservata ©