Economia e finanza / Mercati

Commenta Stampa

Si prevede un -20% di vendite rispetto al 2011

Agosto nero per l’industria automobilistica italiana

Marchionne: “mai visto numero così basso in vita mia”

Agosto nero per l’industria automobilistica italiana
04/09/2012, 10:23

ROMA – Il mercato dell’auto fa registrare numeri mai visti, purtroppo in negativo e continua nella discesa in picchiata cominciata ormai nove mesi fa. E ad intervenire sulla questione l’amministratore delegato del lingotto, Sergio Marchionne,  che sarcasticamente ha dichiarato: “E’ un mese non bello in Italia. Si prevede un -20% rispetto al 2011 mai visto numero così basso in vita mia”.

In effetti l’industria automobilistica,  ad agosto,  ha registrato appena 56.447 nuove immatricolazioni (-20,23%), segnando la sua nona flessione consecutiva a due cifre (a luglio il mercato aveva segnato un calo del 21,39%) e toccando all'incirca i livelli del 1964.

Il gruppo torinese, in linea con il mercato, ha subito un crollo nelle immatricolazioni del 20,53% ad agosto scendendo a 16.689 vetture, ha però mantenuto la quota rimasta stabile al 29,6% sia nel mese che nei primi 8 mesi del 2012, a fronte di un consuntivo di 290.552 unità, in calo del 20% rispetto ad un anno fa.

La nuova Panda è ancora una volta l'auto più venduta, seguita dalla Punto. E tra le top ten ci sono anche 500, Ypsilon e Giulietta.

Inoltre - sottolinea in una nota il Lingotto - il brand Fiat (al 21,55%) migliora la quota e negli 8 mesi migliorano anche Lancia (al 5,2%) e Jeep (allo 0,5%).

Buone notizie, invece,  giungono dal Brasile dove produzione e vendite in agosto sono state le più alte di sempre in 36 anni di attività.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©