Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Si segna un +5% in UE, +6% in USA e +8% in Asia

Agroalimentare, Coldiretti: è record di esportazione

Nel 2013 il Made in Italy ha raggiunto quota 33 miliardi

Agroalimentare, Coldiretti: è record di esportazione
03/01/2014, 10:33

Le esportazioni di prodotti agroalimentari Made in Italy raggiungono il record di 33 miliardi nel 2013, mai così nella storia. E' quanto si evince dai dati Istat relativi al commercio estero, analizzati della Coldiretti.
L'Organizzazione Agricola sottolinea che la maggior parte delle esportazioni interessa i paesi dell'Unione Europea per un valore stimato di 22,5 miliardi (+5%), ma il Made in Italy cresce anche negli Stati Uniti con 2,9 miliardi (+6%), nei mercati asiatici (+8%, 2,8 miliardi) e su quelli africani dove si e' avuto un incremento del 12%, arrivando a quota 1,1 miliardi. Il miglior risultato è però quello che viene dall'Oceania, con un +13%, anche se l'importo e' contenuto . A livello generale, l'aumento dell'export rispetto allo scorso anno e' stato del 6%.
Tra i principali settori del Made in Italy, il prodotto piu' esportato si conferma il vino, con 5,1 miliardi (+8%) davanti all'ortofrutta fresca (4,5 miliardi di euro), che cresce del 6%, mentre l'olio che fa segnare un +10% che porta il valore complessivo a 1,3 miliardi. Aumenta pure la pasta che rappresenta una voce importante del Made in Italy sulle tavole straniere con 2,2 miliardi (+4%).
Come evidenziato dalla Confederazione dei Coltivatori diretti, analizzando le performance dei prodotti nei singoli stati si scoprono aspetti sorprendenti a partire del successo del vino tricolore in casa degli altri principali produttori, con gli acquisti che crescono in Francia (+11%), Stati Uniti (+8%), Australia (+21%) e nel Cile (+66%).
Entusiasmo nelle parole del presidente, Roberto Moncalvo: "Il record fatto registrare dall'export è il frutto del lavoro di un tessuto produttivo ricco, capillare, che coinvolge milioni di uomini e che rende l'Italia competitiva anche all'interno dei processi di mondializzazione dell'economia e delle idee".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©