Economia e finanza / Mercati

Commenta Stampa

Interventi e dichiarazioni dei sindacati

Alitalia, rischio default. Piano da 500 milioni


Alitalia, rischio default. Piano da 500 milioni
09/10/2013, 19:52

ROMA- Alitalia deve uscire dalla crisi quanto prima per evitare il rischio di default e per farlo punta a un piano da 500 milioni. "C'e' stato confermato - riferisce il segretario generale della Uil Trasporti, Claudio Tarlazzi - l'intenzione di un aumento di capitale di 300 milioni: 150 da parte di un soggetto pubblico e 150 da parte degli azionisti di cui 75 milioni da AirFrance".

E se il gruppo franco-olandese non accettasse, avrebbe annunciato l'amministratore delegato dell'aviolinea, Gabriele Del Torchio, "dovrebbero intervenire le banche".

Si fanno sentire anche i sinadacati . ''La situazione e' drammatica - ha detto il segretario generale della Filt-Cgil, Franco Nasso -. C'e' il rischio di discontinuita' aziendale. Dobbiamo scongiurare a tutti i costi il ricorso alla legge Marzano, perche' mette gli aerei a terra con tutte le conseguenze che si possono immaginare''. ''Se qualcuno sta pensando di ricorrere alla legge Marzano - ha aggiunto Nasso - provocherebbe la distruzione dell'azienda, mentre la soluzione sarebbe l'ingresso di un socio pubblico. La mia opinione e' che l'unico soggetto pubblico idoneo sarebbe Fintecna, perche' l'ipotesi di un intervento delle Fs richiederebbe del tempo''. ''Il governo e' di fronte a un bivio - ha subito dopo proseguito il segretario nazionale della Filt-Cgil, Mauro Rossi - o garantisce la continuita' aziendale della compagnia entro 48 ore decidendo quale socio pubblico far entrare oppure accettare il fallimento della compagnia pilotato da Air France"

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©