Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Alla cassa per i pagamenti delle imposte dirette


Alla cassa per i pagamenti delle imposte dirette
15/05/2012, 20:05

Contribuenti alla cassa per i pagamenti delle imposte dirette, dell’Irap e degli acconti risultanti dal modello Unico 2012. I versamenti, salvo proroghe dell’ultim’ora, potranno essere eseguiti entro il prossimo 18 giugno ( il 16 giugno è sabato ed il 17 è domenica), senza alcun pagamento aggiuntivo. Come di consueto, si potrà effettuare il versamento delle imposte dal 19 giugno fino al 18 luglio, con la maggiorazione dello 0,40 per cento. Ed è sempre possibile pagare a rate le somme di Unico con gli interessi nella misura del 4 per cento annuo ( 0,33 per cento per ogni mese). I titolari di partita Iva dovranno eseguire i versamenti esclusivamente con le modalità telematiche utilizzando i servizi on line dell’Agenzia delle Entrate o del sistema bancario o postale ( home bancking). Ricordiamo che chi omette, in tutto o in parte, il versamento delle imposte è soggetto alla sanzione del 30 per cento ( la sanzione si applica anche a chi salta una sola rata). Tuttavia, tale violazione, può essere sanata con il ravvedimento operoso versando, entro 14 giorni successivi alla scadenza, le imposte dovute ed una sanzione ridotta dello 0,2 per cento per ogni giorno di ritardo, oltre gli interessi legali. Decorsi i 14 giorni, se la regolarizzazione avviene entro 30 giorni successivi alla scadenza, la sanzione è pari al 3 per cento ( più gli interessi legali ) mentre se avviene entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale la violazione è stata commessa ( 30.9.2013), la sanzione ridotta sale al 3,75 per cento, oltre gli interessi moratori. Nessun versamento dovrà essere eseguito se gli importi da versare a saldo per ciascuna imposta ( comprese le addizionali ) non supera ciascuna 12 euro. Per l’Iva e l’Irap il limite è invece di 10,33 euro. E’ utile rammentare infine che è possibile eseguire il pagamento per la differenza tra crediti e debiti compensando eventuali tributi o contributi a favore del contribuente ( in tal caso il modello F24 va presentato anche se presenta un saldo pari a zero).      

Commenta Stampa
di Marina Ciaravolo
Riproduzione riservata ©