Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Ania pronta a ridurre i prezzi della rc auto

Ania pronta a ridurre i prezzi della rc auto


Ania pronta a ridurre i prezzi della rc auto
03/07/2012, 13:07

ROMA - Le compagnie assicurative, in questo periodo, che è il più critico dal dopoguerra, sono pronte a ridurre i prezzi della rc auto, nell'ambito di un'azione congiunta, di sistema, che aggredisca alla radice quelle componenti strutturali che mantengono elevato il costo dei sinistri”. Ad annunciare la novità è stato il presidente dell' Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici (Ania), Aldo Minucci.
Insomma, per la crescita e la ripresa del Paese, anche Ania è pronta a fare la sua parte: “Abbiamo tutti un compito da svolgere e anche l'industria assicurativa è chiamata a fare la propria parte. Le aziende sono pronte a garantire alle famiglie e alle imprese, tutele adeguate contro i rischi demografici, sanitari e ambientali, in un quadro coerente di collaborazione fra pubblico e privato che promuova la responsabilità e incentivi la prevenzione”. Ma non solo, Minucci ha anche annunciato che le imprese si sono dichiarate pronte a destinare una parte degli investimenti al rafforzamento delle infrastrutture del Paese, in una cornice normativa che offra piena tutela al risparmio degli assicurati e alla stabilità delle imprese.
Quanto ai numeri, è stato diffuso dalle agenzie di assicurazione che il totale dei sinistri accaduti e denunciati, che hanno dato luogo a un risarcimento o lo daranno, nel 2011 è stato pari a 2,7 milioni, in calo del 12,3% rispetto al 2010. Il costo medio dei sinistri di competenza, invece, è stato pari a 4.549 euro, contro 4.117 nel 2010 (+10,5%). In Italia, inoltre, si registra un'incidenza molto elevata di sinistri con danni fisici sul totale (22,7% contro 10% della media europea e oltre 40% in alcune aree del Paese).
Continua a crescere, inoltre, la raccolta premi rc auto. Nel 2011, secondo quanto riferisce l'Ania, l'ammontare complessivo dei premi è stato pari a 17,8 miliardi, in aumento del 5,2% sul 2010. Il premio medio (vale a dire il prezzo) nel 2011 è aumentato del 5,8%, mantenendo quindi il trend dell'anno precedente (+4,7%), e a maggio 2012 del 4,6%. Tra l’altro, tra il 2005 e il 2009 la contrazione del premio medio è stata dell'11,8% e quindi "il prezzo medio della copertura rimane nel 2011 analogo a quello del 2006"
 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©