Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Apertura Camera di Conciliazione a Marigliano (NA)


Apertura Camera di Conciliazione a  Marigliano (NA)
05/11/2011, 11:11

Per merito dell'avvocato Michelangelo Abbate Trovato, responsabile e dell'avvocato Silvana Monda,e dei periti assicurativi Luigi Ciccarelli e Francesco Montiere apre a Marigliano in Corso Umberto 290, una camera di conciliazione strutturata e professionale, targata Concilium Italia. Con l'entrata in vigore del Decreto Legislativo 28/2010, la Conciliazione obbligatoria si sta affermando in questi mesi come lo strumento in grado di rivoluzionare la Giustizia civile rendendola di fatto accessibile al cittadino, colmando ritardi e affrontando la questione del contenzioso arretrato, obbligando le parti prima di presentarsi da un giudice di provare a ricomporre la lite, istruendo una mediazione, obbligatoria appunto, che ha costi bassi e tempi certi, massimo 120 giorni.

L’inaugurazione a Marigliano domenica 6 novembre alle ore 11 nella centralissima sede di Corso Umberto 290 e' affidata al giornalista economico Massimo Lucidi responsabile delle relazioni istituzionali e media dell'organismo di conciliazione. L'evento di domenica segue la formula dell’inaugurazione “salottiera”, che al di là del caloroso in bocca al lupo che si deve a chi lancia una nuova iniziativa professionale e imprenditoriale, consente di motivare la struttura, farsi conoscere sul territorio e scambiare nel contempo delle considerazioni tecniche sulla materia della media-conciliazione.

La conciliazione ha tanti meritori aspetti primo fra tutti la logica del “mi conviene”, rispetto a quella del “ho ragione” che è chiaramente più competitiva, rivoluzionaria appunto. Logica che ha ispirato il sistema a cogliere l’opportunità forte di dirimere le proprie controversie civili ricorrendo all’Alternative Dispute Resolution, il sistema di risoluzione delle controversie che il Governo ha reso obbligatorio per molte materie. I diritti reali, la divisione, le successioni ereditarie, i patti di famiglia, la locazione, il comodato, l'affitto di azienda, il risarcimento del danno derivante da responsabilità medica, il risarcimento del danno derivante da diffamazione con il mezzo della stampa o altro mezzo di pubblicità, i contratti assicurativi, bancari e finanziari trovano così strutture e professionisti di primo piano per dibattere e portare ad accordo entro 120 giorni le parti che altrimenti mantengono il diritto di rivolgersi al giudice con tutte le lungaggini dell’attuale situazione. L’obbligatorietà premia la scelta culturale per diffondere lo strumento che negli anni prossimi diffonderà un modo diverso per risolvere le liti e di fatto favorirà un percorso verso una società meno conflittuale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©