Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Dalla Spagna arriva una nota congiunta

Appello di Madrid anti-spread. Parigi e Roma smentiscono

Nel pomeriggio ministri francesi e italiani chiariscono

Appello di Madrid anti-spread. Parigi e Roma smentiscono
24/07/2012, 19:40

E' allarme spread in tutti i paesi europei. In mattinata spunta infatti un comunicato del governo spagnolo che tira in ballo anche Roma e Parigi: "Le tre capitali chiedono l'applicazione immediata delle misure Ue anti-spread". Dopo due ore arriva però la doppia smentita dall'Italia e dalla Francia. Alle ore 16, dopo una serie di agenzie che lanciano l'appello congiunto di Spagna, Francia e Italia affinché l'Unione europea attui rapidamente gli accordi presi al vertice di fine giugno, sbotta il ministro francese per gli Affari europei Bernard Cazeneuve: "E' una pura invenzione, siamo a bocca aperta". Il comunicato di Madrid è stato prontamente rimosso dal sito governativo. La nota sosteneva che l'appello all'Unione europea era stato formulato in mattinata durante la riunione del Consiglio Affari generali a Bruxelles e vi si richiedeva l'immediata esecuzione degli accordi dell'ultimo Consiglio europeo degli scorsi 28 e 29 giugno. La dura smentita di Parigi arriva direttamente dal ministero per gli Affari europei: "Non c'è stato alcun approccio comune con l'Italia e la Spagna. non chiediamo l'attuazione immediata degli accordi. Non ha senso dirlo. Seguiamo le decisioni prese al vertice Ue lavorando su di esse". Dopo poco anche Roma reagisce. Arriva una nota dalla capitale italiana in cui c'è scritto: "Fonti di Palazzo Chigi esprimono lo stupore del governo italiano circa l'iniziativa comunicata dal ministero degli Esteri spagnolo in merito a una pretesa dichiarazione congiunta tra Spagna, Italia e Francia, iniziativa della quale il governo italiano non è al corrente". Il ministro dello Sviluppo Corrado Passera dichiara: "Urge intervento Ue per tranquillizzare i mercati. Un segnale lo deve dare l'Europa. Ed è ora che lo dia".

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©