Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Valore che supera di tre volte la media della zona euro

Assicurazioni in Italia, aumento del 131% in 15 anni


Assicurazioni in Italia, aumento del 131% in 15 anni
18/04/2010, 12:04

ROMA - Dal quaderno dei prezzi del Dipartimento del Tesoro del ministro dell'Economia non arrivano dati confortanti riguardo gli aumenti di Assicurazioni, servizi finanziari e postali, affitti, acqua e rifiuti. Secondo i dati raccolti, infatti, negli ultimi quindici anni gli italiani hanno dovuto subire un incremento dei prezzi anche tre volte superiore rispetto alla media euro.
Per la precisione, le cifre raccolte, sono quelle riferite al periodo 1996-2009 ed elaborate dall'Eurostat. I veri vampiri risultato essere le assicurazioni; con un aumento che sarebbe reputato illegale probabilmente in ogni paese che vuol definirsi sviluppato. In quindici anni, infatti, il costo delle polizze è aumentato del 131%. Come si legge sul Sole 24 ore, nessuno stato europeo è riuscito a star dietro i podisti dell'aumento dei prezzi con indosso il tricolore.  In Francia, infatti, l'impennata è stata solo del16,5% della Francia; 30% registrato in Germania, 67% in Spagna, 78,6% nel Regno Unito e 35,3%, in media, nella zona euro.
Sempre nello stesso periodo di riferimento, nel bel paese, il costo dei servizi finanziari è salito del 90% (contro il 43% della zona euro). E gli affitti? Più 50% contro il 28% di Eurolandia.  Per non parlare poi dell'acqua potabile; con un incredibile incremento di costo che sfiora il 70% ed appare un gigante rispetto al 28% della media europea.
Differenza un po' meno marcata per i rifiuti (68,3% vs 55,4%). Eppure qualche dato in controtendenza c'è ed ha anche qualcosa di sorprendente. Prendendo in cosiderazione la benzina, infatti, si scopre che l'incremento di costo si è attestato sul +36,1% contro un +54,9% registrato in europa. Leggermente meno cari rispetto agli altri paesi europei risultato i servizi medici e paramedici ed i quotidiani (tra l'altro in crisi devastante). Interessante notare come, in una settore dove la liberalizzazione è stata più "feroce", si sia riscontrato un significativo decremente dei prezzi. Le telecomunicazioni, infatti, sono calate in termini di costi del 3,1%. In Italia, dunque, sono le assicurazioni le principali "imputate". Molti cittadini, specialmente in Campania e più in particolare a Caserta e Napoli, spesso non posso acquistare un'auto perchè l'assicurazione in fascia 14 arriva a superare i 2000 euro di costo annuo. Il "governo del fare" potrebbe inserire lo spinoso tema dell' Rc auto tra i paradossi economici da risolvere nel più breve tempo possibile.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©