Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

AUMENTANO LE TARIFFE LUCE E GAS


AUMENTANO LE TARIFFE LUCE E GAS
29/09/2008, 20:09

Aumentano le tariffe elettriche e del gas, che scontano l'effetto del caro-petrolio dei mesi scorsi. Dal primo ottobre scatta un rincaro dello 0,8% per bollette dell'energia elettrica. Maggiore l'incremento per il gas: +5,8%. Lo comunica l'Autorità per l'energia, che ha reso note le condizioni economiche per il quarto trimestre 2008.

Dal prossimo primo ottobre, quindi, la spesa su base annua delle famiglie aumenterà di 3,7 euro per l'energia elettrica e di 61,5 euro per il gas, sull'onda lunga del caro-petrolio, per un totale di oltre 65 euro.

Dal prossimo gennaio scattera' comunque il 'bonus sociale' sulle bollette elettriche, che sara' pero' esteso retroattivamente a tutto il 2008. L'Autorita' per l'energia ha infatti definito le modalita' di applicazione del nuovo regime di protezione sociale che potra' garantire un risparmio del 20% circa sulle bollette dell'elettricita' alle famiglie con piu' basso reddito. Il valore del bonus sara' crescente a seconda della composizione dei nuclei familiari (60 euro/anno per un nucleo di 1-2 persone, 78 euro/anno per 3-4 persone, 135 euro/anno per un numero di persone superiore a 4).

Avranno diritto all'agevolazione i consumatori che dispongano di un Isee (indicatore situazione economica) inferiore o uguale a 7.500 euro annui e a regime, si stima che saranno circa 5 milioni di clienti interessati, ai quali saranno assegnati, nel complesso circa 384 milioni di euro l'anno. Il sistema sara' pienamente operativo dal gennaio 2009 - fa sapere l'Autorita' - ma il godimento del bonus potra' essere retroattivo per tutto il 2008, per le richieste effettuate entro il 28 febbraio 2009. Tornando ai rincari tariffari, gli aumenti della spesa per le bollette nei passati nove mesi (+7,9 % luce, +4,4% gas), ''sono comunque stati piu' contenuti - sottolinea l'Authority - della spesa per il petrolio nello stesso periodo di confronto (+26,2% in dollari e +19,7% in euro); cio' anche per effetto della costante diminuzione delle tariffe di trasporto e distribuzione e del contenimento di alcuni oneri generali di sistema. In particolare, in luglio, l'Autorita' ha diminuito dell'1,3% la componente trasporto gas degli stessi prezzi di riferimento, limitando cosi' l'aumento complessivo che altrimenti avrebbe superato il 6%''.

 La causa degli aumenti e' da ricercare nel caro-greggio registrato nei mesi scorsi. Se infatti attualmente il petrolio e' in una fase di forte ribasso, nei mesi precedenti ha messo a segno quotazioni record. ''Il sistema energetico italiano - spiega il comunicato del Garante - e' ancora fortemente dipendente dall'importazione di idrocarburi; percio' il forte aumento del prezzo del greggio dei mesi precedenti (con punte record di 144 dollari al barile per il Brent) pesa ancora sull'aggiornamento delle condizioni di fornitura, specie per il gas''.

Commenta Stampa
di Fabrizio Pirone
Riproduzione riservata ©