Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Immatricolazioni nei paesi della Ue diminuite dell’ 11%

Auto: nuova frenata a settembre, vendite sempre più in calo

Vendite Fiat in calo, soprattutto in Italia

Auto: nuova frenata a settembre, vendite sempre più in calo
16/10/2012, 09:29

ROMA  - Va male,  decisamente male per il mercato dell’auto. Le vendite sono sempre più in calo  e per la 12ma volta consecutiva, a settembre, hanno subito una ulteriore frenata. Il dato è da rilevare a livello europeo. Ad informare sulla questione ci pensa l’Acea che ha evidenziato come le immatricolazioni nei 27 paesi della Ue più quelli della Efta, hanno subito una flessione dell’ 11%. Tradotto in termini di veicoli non venduti ben 1.132.034 unità, contro le 1.271.339 registrate un anno fa.

Il primo, consistente calo, ad agosto scorso, quando le vendite di nuove auto erano scese dell'8,5%. Nei primi 9 mesi del 2012 il calo è stato del 7,2% a 9.724.423 unità.

Per quanto riguarda l’Europa, analizzando  la nostra Fiat nazionale, il gruppo ha immatricolato , nel vecchio continente (Ue a 27 più i Paesi Efta) 66.991 unità, un calo del 18,5% rispetto alle 82.209 di un anno fa.

La fabbrica automobilistica torinese,  ad agosto  aveva fatto registrare un  calo che  si era attestato intorno all’ 17,7%. Nei primi 9 mesi dell'anno Fiat Group Automobiles ha venduto in Europa 623.791 vetture, in flessione del 16,8% rispetto alle 749.920 unità stesso periodo del 2011.

A conti fatti, le vendite del gruppo Fiat in Europa a settembre, paradossalmente, sono state "penalizzate dal pessimo risultato del mercato in Italia (-25,7%)". La nota del Lingotto,  cha ha spiegato  le motivazioni del calo , ha anche sottolineato i  "positivi risultati nel Regno Unito, dove crescono Fiat e Lancia/Chrysler" e il "sensibile incremento delle vendite Jeep in Germania e Francia".

E l’icona fiat resta sempre  la 500 che  "é la vettura più venduta del segmento A, seguita dalla Panda,  che insieme hanno nei primi otto mesi  una quota vicina al 28%.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©