Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

In Italia i Tremonti bond hanno fruttato 200 milioni di euro

Banche: rapporto R&S Mediobanca, la ripresa è ancora lenta


Banche: rapporto R&S Mediobanca, la ripresa è ancora lenta
18/06/2011, 09:06

MILANO -  L’indagine R&S Mediobanca, rapporto annuale sulle principali banche aventi sede in Europa, Giappone, Stati Uniti e Cina, ha evidenziato che nonostante la ripresa registrata nel 2010, i principali gruppi del credito d'Europa rimangono ancora lontani dai livelli precedenti la crisi finanziaria.  Nel 2010, si sottolinea nel rapporto di R&S Mediobanca, in Europa i margini di conto economico hanno segnato una ripresa rispetto al 2009, in parte sospinti dalla crescita dei ricavi (+4,6%). Il risultato corrente, prima delle poste straordinarie, si e' attestato al 19,2% dei ricavi dal 10,7% del 2009, quasi raddoppiando (+88,3%). Nonostante il recupero, il sistema bancario europeo e' ancora circa 10 punti percentuali al di sotto dei livelli del periodo 2000-2007, quando il risultato corrente si era attestato mediamente al 28,8% dei ricavi. Sempre nel 2010 il risultato netto, in crescita del 37,1%, si e' attestato al 13,8% dei ricavi, mentre era il 10,5% nel 2009. Indicatore lontano dal valore medio pre-crisi, quando era pari al 21,1%. Nel rapporto inoltre si legge che ammontano a 2.658 miliardi di euro i piani di salvataggio messi in piedi dal governo americano e da quelli europei nei confronti delle proprie banche. Gli aiuti erogati hanno fruttato al governo Usa 64 miliardi di dollari di ritorni, tra dividendi e vendita di titoli (circa 45,4 miliardi di euro), e a quelli europei 21,4 miliardi di euro. I Tremonti bond hanno fruttato alle casse dell'erario circa 200 milioni di euro in cedole. Lo stock lordo degli aiuti, al netto di quelli restituiti a partire dalla fine del 2009, e' stato di 2.810 miliardi di dollari negli Usa e di 2.180 miliardi di euro in Europa. Sale anche il conto dei fallimenti negli Stati Uniti (in Europa i governi li hanno impediti): 361 dopo ulteriori 121 bancarotte nel 2010.

La Ricerche e Studi (in sigla: R&S) è una società per azioni interamente posseduta da Mediobanca che la costituì nel 1970 per sviluppare in Italia gli studi economici e finanziari sulle imprese e sui mercati. Si tratta di studi che Mediobanca ha condotto fin dalla sua costituzione (1946) e che in quell'anno ritenne di valorizzare ulteriormente promuovendo un team di ricercatori specializzati. Gli analisti della R&S seguono metodologie rigorose ed attuano i programmi di studio e pubblicazione approvati da un Comitato Tecnico. Il Comitato, di cui fanno parte professori universitari docenti di discipline economiche, assicura l'indipendenza della società e la qualità delle informazioni prodotte. La R&S ha pubblicato studi su temi che interessano le imprese, i settori economici e i mercati finanziari. Il primo lavoro fu stampato nel 1970 e rappresentò all'epoca il solo quadro di riferimento disponibile sull'industria chimica italiana. Sempre nel 1970 venne dato avvio ad una collana di "notices" sulle società quotate in borsa che nel 1976 è confluita nell'annuario dei Principali Gruppi. L'annuario R&S prende il nome dalla sigla della società ed è destinato a tutti quegli operatori che assegnano all'informazione di qualità il ruolo di prezioso ausilio alla propria formazione economica e di strumento per applicare la propria cultura al lavoro quotidiano. Nel 1995 sono iniziati gli studi sui Gruppi multinazionali con la pubblicazione di una nuova collana di analisi annuale dei loro dati di bilancio aggregati.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©