Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Le entrate fiscali calano, il bilancio dello Stato peggiora

Bankitalia: il debito pubblico si avvicina ai 1850 miliardi


Bankitalia: il debito pubblico si avvicina ai 1850 miliardi
14/09/2010, 11:09

ROMA - Brutte notizie sul lato dei conti pubblici. Secondo Bankitalia cresce ancora il debito pubblico italiano, che a luglio ha toccato 1838,3 miliardi di euro, con un aumento rispetto all'anno scorso del 4,76% (allora erano 1754,7 miliardi). Rispetto a giugno l'aumento è di 16,3 miliardi. Ma la cosa preoccupante è il rapporto debito pubblico/Pil che è aumentato ancora, dato che all'aumento del 4,76% è corrisposto un aumento del Pil pari all'1,3%.
Brutte notizie anche sul fronte delle entrate. nei primi 7 mesi dell'anno sono stati incassati 210 miliardi di euro, il 3,4% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ed è in questo dato la vera ragione della manovra economica da 24 miliardi approvata a luglio dal governo. Infatti, con un tale calo nelle entrate, ed un deficit pubblico che a dicembre 2009 si è fermato al 5,3% del Pil, era necessario dare un forte taglio alle uscite per motivi di credibilità internazionale. Ma, data l'insipienza economica del nostro governo, si è preferito usare il cosiddetto "taglio orizzontale", piuttosto che una attenta disamina delle sacche di spreco. Il risultato è che così sono diminuite le entrate di oltre 3 milioni di lavoratori pubblici, che spenderanno di meno e contribuiranno a ridurre la quantità di tasse che entrano nelle casse statali, almeno per i prossimi due anni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©