Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Nei prossimi due anni, ci costerà 10 volte tanto

Bankitalia: l'aumento dello spread è costato agli italiani 1,5 miliard"


Bankitalia: l'aumento dello spread è costato agli italiani 1,5 miliard'
09/11/2018, 15:53

ROMA - C'è stata oggi l'audizione, in Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, del vice direttore generale della Banca d'Italia Federico Signorini. Il quale ha lanciato un allarme sullo spread tra i Btp italiani e i Bund tedeschi. L'aumento a quota 300 ci è costato a noi italiani 1,5 miliardi nel secondo semestre del 2018 e ci costerà 5 miliardi nel 2019 e 9 miliardi nel 2020. Inoltre Signorini ha fatto presente come utilizzare manovre espansive è rischioso, in quanto i loro risultati nel medio periodo sono tutti da verificare, mentre la spesa nel breve periodo è sicura. In altri termini, il rischio è che a fronte della spesa fatta nella manovra di bilancio, non ci sia l'aumento sperato da M5S e Lega. 

Il vice direttore di Bankitalia ha anche sottolineato come anticipare l'erogazione delle pensioni rischia di scombinare i conti pubblici, perchè bisogna tenere presente il più lungo periodo di erogazione della pensione stessa, anche se con una cifra mensile ridotta. E ha espresso perplessità anche sui condoni dato che, oltre al basso gettito, in genere provocano un abbassamento della fedeltà fiscale dei cittadini, che tenderanno a pagare meno tasse. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©