Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Bcc di Napoli, approvato all’unanimità il bilancio 2009


Bcc di Napoli, approvato all’unanimità il bilancio 2009
16/05/2010, 12:05

È stato approvato all’unanimità il bilancio 2009 della Banca di Credito Cooperativo di Napoli. L’Assemblea dei Soci dell’istituto presieduto da Amedeo Manzo si è tenuta stamane nella sala “Newton” di Città della Scienza. Sono intervenuti, oltre al direttore di Federcasse Sergio Gatti e al direttore di Federcampania Franco Vildacci, presenti in rappresentanza del sistema del Credito Cooperativo nazionale e regionale, il neo presidente della Camera di Commercio di Napoli Maurizio Maddaloni; il vicepresidente dell’Unione Industriali Paolo Scudieri; il componente della Commissione Bilancio alla Camera Gioacchino Alfano; il consigliere regionale Pasquale Sommese; l’assessore al Turismo e Sviluppo della Provincia di Napoli Valeria Casizzone; l’assessore allo Sviluppo del Comune di Napoli Mario Raffa.
Soddisfatto, al termine dell’Assemblea, il presidente della Bcc di Napoli Amedeo Manzo: “Questa banca è nata con l’obiettivo di concretizzare l’idea di una finanza utile, vicina alla comunità. La crisi ci ha lasciato in eredità degli insegnamenti, in primis che il profitto non deve essere l’unico parametro di riferimento dell’economia. Bisogna superare la dicotomia tra sfera economica e sfera sociale applicando i concetti di solidarietà e sussidiarietà. Il nostro primo anno, in realtà rappresentato da soli sette mesi per l’apertura della sede a giugno, è stato vissuto nel segno della territorialità proprio applicando questi concetti. Queste sono le linee guida per il futuro”.
Maurizio Maddaloni era alla prima uscita pubblica da presidente della Camera di Commercio di Napoli: “Considero il Credito Cooperativo un’isola felice del sistema finanziario italiano. L’aumento del credito alle Pmi è stato il valore aggiunto per il bene dei territori. Basti pensare che il 95% delle aziende iscritte alla Camera di Commercio è espressione di realtà medio-piccole. E l’approccio mutualistico, tipico delle Bcc e anche di quella di Napoli, è la soluzione giusta”.
Questi alcuni dati di esercizio della Bcc di Napoli: al 31 dicembre 2009, l’istituto ha totalizzato una raccolta superiore ai 21 milioni di euro con uno sviluppo notevole su base annua; il totale degli impieghi accordati, sia diretti che attraverso le altre società del gruppo, supera, invece, i 20 milioni di euro. È cresciuto in maniera consistente anche il numero dei soci: se al 31 dicembre 2008 la Banca di Credito Cooperativo di Napoli contava 2.198 soci, al 31 dicembre 2009 ne conta 2.816, con una crescita del 28,1%. Positiva anche la risposta della clientela. Basti pensare che l’incremento nel primo trimestre del 2010 è stato ancor più positivo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©