Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

"La crisi continua a gravare sul mercato del lavoro"

Bce: disoccupazione record e a rischio la ripresa economica

Disoccupati: dal 7,6% del 2007 all'11,4% del 2012

Bce: disoccupazione record e a rischio la ripresa economica
11/04/2013, 11:22

FRANCOFORTE  (GERMANIA) - L'occupazione nella zona dell'euro continuerà a registrare un andamento al ribasso. E' l'analisi della Banca centrale europea. Nel bollettino mensile specifica che "la crisi economica e finanziaria continua a gravare sul mercato del lavoro nell'area dell'euro. Nel quarto trimestre del 2012 l'occupazione è diminuita ancora, mentre il tasso di disoccupazione è cresciuto ancora, raggiungendo livelli senza precedenti". Il valore aggregato per l'area euro è aumentato da una media annuale del 7,6% nel 2007 all'11,4% nel 2012. Secondo le stime della Commissione europea, circa la metà di questi 3,8 punti percentuali è ascrivibile a un incremento della disoccupazione strutturale, più difficile da combattere. Per la Bce diversi fattori possono essere all'origine di questo innalzamento della disoccupazione strutturale. E' sicuramente aumentata in molti Paesi, anche al di fuori dell'area euro. Inoltre, quanto più a lungo i disoccupati restano senza lavoro, più è probabile che le loro competenze diminuiscano e che il loro capitale umano si deprezzi. Per il 2014 le stime della Commissione europea, del Fondo monetario internazionale e dell'Ocse sulla disoccupazione strutturale "oscillano tra il 9 e l'11%, con livelli particolarmente elevati per Paesi come Spagna, Grecia, Portogallo e Irlanda".
La debolezza economica del 2012 si è trascinata nel primo trimestre di quest'anno e "per la seconda metà del 2013 si prevede una graduale ripresa, soggetta però a un rischio al ribasso". Per la Bce "l'orientamento di politica monetaria resterà accomodante fintantoché sarà necessario". 

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©