Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

BCE: L'ITALIA RISCHIA SPIRALI INFLAZIONISTICHE


BCE: L'ITALIA RISCHIA SPIRALI INFLAZIONISTICHE
13/03/2008, 20:03

La Banca Centrale Europea lancia gli allarmi: per l'Italia c'è il rischio di spirali inflazionistiche. E il pareggio di bilancio, senza tagli di spesa significativi, ci sarà solo dopo il 2010. Forse. Sui rinnovi contrattuali in Italia - è la nota della Bce - si seguono con particolare attenzione le trattative salariali in Eurolandia. La Banca nutre timori circa "l'esistenza di forme di indicizzazione delle retribuzioni nominali ai prezzi al consumo, che comporterebbe il rischio di shock al rialzo sull'inflazione". Riflessioni, queste, che non piacciono a vari esponenti nazionali. Non piacciono al ministro della Solidarietà Sociale, Paolo Ferrero. La posizione della Bce avrebbe un unico significato: "La scelta di ridurre i salari reali". Mentre per il segretario confederale della Cgil, Marigia Maulucci, quello della Bce "è un allarme da respingere". Potere d'acquisto e crescita della produttività possono andare di pari passo per la Maulucci. 

Commenta Stampa
di Giulio d'Andrea
Riproduzione riservata ©