Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

"L'antispread calma effetto-panico ma non aiuta stati"

Bce,Draghi:"Ripresa graduale eurozona seconda metà 2013"

Il capo della Bce è ottimista sulla crescita monetaria

Bce,Draghi:'Ripresa graduale eurozona seconda metà 2013'
03/06/2013, 18:30

SHANGHAI - L'economia della zona euro si riprenderà nella seconda metà del 2013 e il programma di acquisto dei bond sul mercato secondario, chiamato Omt (Outright monetary transactions), serve solo a calmare l'effetto panico, non a salvare i paesi sotto attacco della speculazione. Lo ha detto Mario Draghi, presidente della Banca centrale europea, in occasione dell'International Monetary Conference a Shanghai. Le dichiarazioni di Draghi arrivano in controreplica alle potenziali accuse alla Bce, che potrebbero emergere nel corso del giudizio della Corte costituzionale tedesca dell'11-12 giugno sulla legittimità degli Omt.

“La situazione economica nella zona euro - ha aggiunto Draghi - rimane impegnativa, ma ci sono segnali di una possibile stabilizzazione, e il nostro scenario base continua a essere quello di un avvio di una vera graduale ripresa nell'ultima parte del 2013”. Secondo Draghi, dunque la ripresa verrà sostenuta dalla politica accomodante della Bce e dalla domanda esterna.

Draghi ha affermato che la Bce “resterà profondamente legata al suo paradigma di politica monetaria”, che si traduce nel “preservare in modo fermo l'indipendenza della nostra banca centrale» per assicurare quel «solido ancoraggio istituzionale” che ha consentito alla Bce di guadagnare «fiducia e rispetto».

Replicando in modo indiretto a una domanda, Draghi ha poi ammesso che la Bce ha “canali più stretti” per attuare una politica monetaria di alleggerimento quantitativo rispetto alla Fed americana.

Il presidente della Bce si è detto sicuro che siamo “pronti a perseguire il duplice obiettivo di riformare le singole economie nazionali e completare l'architettura istituzionale a livello europeo”, laddove l'unione monetaria “oggi e più resistente e stabile di prima”. 

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©