Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Il piano solo per case mono e bifamiliari e ricostruzioni

Berlusconi, ‘in giro bozza falsa del Piano Casa’


Berlusconi, ‘in giro bozza falsa del Piano Casa’
24/03/2009, 22:03

Il piano casa che venerdì farà tappa al Consiglio dei ministri sarà diverso da quello ‘descritto’ negli ultimi giorni, e fortemente osteggiato dal Pd e da alcune Regioni. Lo ha precisato il premier Silvio Berlusconi, specificato che il documento riguarda solo le “case monofamiliari, bifamiliari e le costruzioni da rifare” e non interesserà “gli immobili urbani”. Il Cavaliere ha spiegato che “le ipotesi circolate sono diverse da quelle su cui stiamo lavorando”. Il piano casa che verrà presentato alle Regioni nella riunione di domani sarà “semplificato, essenziale”, e che la maggioranza è aperta al dialogo per eventualmente ridefinire i punti non condivisi.

Il premier ha inoltre confermato che il progetto del governo, finalizzato ad aumentare le volumetrie e semplificare le procedure, si realizzerà anche tramite decreto legge per evitare di perdere troppo tempo e raggiungere quanto prima gli sperati effetti positivi sul settore dell’edilizia e, di conseguenza, sull’economia nazionale.

Il presidente del Consiglio è sicuro che, una volta messa sul tavolo la bozza ‘originale’, anche le Regioni più ostiche faranno un passo indietro, anche sulla spinta dei propri cittadini che accoglieranno con favore la proposta del cosiddetto piano casa. Che, aggiunge Berlusconi, non è incostituzionale come affermano Dario Franceschini ed Epifani. “Il disegno circolato, - ha spiegato, - non è quello a cui io avevo già lavorato. Il decreto si fermerà alle case mono o bifamiliari e alle costruzioni da rifare”.

Ma Franceschini nemmeno ha intenzione di tornare sui propri passi, e non crede alle spiegazioni del premier. “Si può anche dire “cambiamo idea”, - dice, - ma non che il testo che circola non è quello vero. Questo decreto non è il piano casa, ma un decreto cementificazione. Se vanno avanti con questo testo, troveranno un muro da parte del Pd”. Nel corso di una conferenza stampa al Nazareno, insieme a Pierluigi Bersani, Ermete Realacci, Giovanna Melandri e Andrea Martella, Franceschini ha aggiunto che il testo che circola è in realtà quello vero, e che il partito che rappresenta chiede all’esecutivo di rivedere il provvedimento.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©