Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

L'ISTAT: "Per il 50% degli italiani la situazione peggiora"

Berlusconi: "L'Italia è la sesta nazione più ricca"


Berlusconi: 'L'Italia è la sesta nazione più ricca'
06/11/2009, 13:11

ROMA - C'è il dubbio del "a chi credere?", perchè ognuno ne dice una sull'economia italiana.
Oggi il Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi, al termine del Consiglio dei Ministri, ha ripetuto in conferenza stampa che l'Italia ha un PIL che, in valore assoluto, ha scavalcato quello inglese, e quindi è la sesta potenza economica del mondo. Inoltre ha invitato i Ministri a far valere quello che di buono ha fatto questo governo (mi piacerebbe sapere cosa, ndr) nei loro interventi con la stampa e la Tv. Nel frattempo il governo sta cercando di introdurre un primo taglio all'Irap, concentrandolo sulle imprese che denunciano perdite in bilancio.
Sempre oggi l'OCSE ha reso noto che l'Italia è al top della classifica del cosiddetto "superindice": un insieme di parametri che forniscono un numero che misura l'aumento o la diminuzione delle aspettative di crescita economica per ogni singolo Paese. Detto in altri termini, ci si aspetta che negli anni a venire l'Italia migliori la propria situazione economica più degli altri Paesi.
Ma a rompere questa idilliaca situazione arrivano i dati ISTAT, che riferisce i dati di una indagine, da cui risulta che il 50% delle famiglie ritiene che la propria situazione economica nel 2009 è peggiorata rispetto al 2008; per il 13% la situazione è addirittura "molto peggiorata". E questo vale soprattutto per le famiglie del Sud, rispetto a quelle del centro e del nord. Certo i dati sono in lieve miglioramento, rispetto al 2008 (54% delle famiglie nel 2008 rispose che la propria situazione economica era peggiorata rispetto al 2007) ma è un esplicito disconoscimento delle espressioni del Presidente del Consiglio, che continua a parlare di "crisi alle spalle".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©