Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Bieticoltori contro Zaia: il ministro gira le carte


Bieticoltori contro Zaia: il ministro gira le carte
23/03/2010, 10:03

"Il Ministro Zaia ha girato le carte mostrando la sua totale inaffidabilità nel mantenimento degli impegni più volte assunti circa lo stanziamento dovuto dal Governo per il settore bieticolo-saccarifero, pari a 86 milioni di euro complessivi per le annualità 2009 e 2010. Il Ministro Zaia, infatti, non ha inserito tale stanziamento nel disegno di legge sugli incentivi, rinviandolo ancora una volta ad uno specifico emendamento in sede di dibattito parlamentare: a ben vedere tragedia e beffa si fondono tra loro nell’operato del Ministro e del Governo, quest’ultimo tristemente noto proprio per la bocciatura di molti emendamenti. Secondo il Consorzio Nazionale Bieticoltori (C.N.B.) la stizzita insofferenza con la quale Zaia ha risposto a tutti coloro i quali gli hanno ricordato gli impegni assunti in sede comunitaria da questo stesso Governo, si è quindi rilevata strumentale al vero obiettivo del Ministro: prendere tempo fino alle imminenti elezioni regionali, contando in una sua elezione a Governatore del Veneto che lo liberi da questo ingombrante adempimento verso il settore. “Comunque vadano le cose – ha dichiarato il Presidente del C.N.B., Alessandro Mincone - sappiano il Ministro Zaia e l’intero Governo che dovranno in ogni caso assumersi le responsabilità del loro operato e continuare il confronto con una filiera e con migliaia di bieticoltori che non molleranno la presa e che seguiranno la vicenda nelle aule parlamentari ed in ogni sede istituzionale. Si tratta infatti di una vertenza di vitale importanza per il futuro del settore - ha concluso il Presidente Mincone - a sostegno della quale il C.N.B. resta in prima linea ed al fianco dei propri associati, ai quali rivolgiamo un caloroso invito a proseguire nelle semine a bietola appena iniziate, condizione indispensabile per assicurare una prospettiva al comparto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©