Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Oltre 721mila le prestazioni erogate nel 2009

Bilancio positivo per l’Agenzia delle Entrate in Campania


Bilancio positivo per l’Agenzia delle Entrate in Campania
29/01/2010, 11:01

NAPOLI - Non solo lotta all’evasione fiscale nel 2009 per l’Agenzia delle Entrate della Campania. Con 721.111 mila servizi erogati dagli uffici regionali delle Entrate, infatti, l’anno appena concluso ha visto l’Amministrazione finanziaria fortemente impegnata anche sul versante dell’offerta all’utenza.
Tra le prestazioni da segnalare, quelle relative alle registrazioni di atti e denunce di successione, con oltre 190 mila operazioni, al rilascio e variazioni dei dati contenuti su codice fiscale o tessera sanitaria, 145.365, all’assistenza su comunicazioni e cartelle di pagamento, circa 114mila. Buoni anche i dati sull’assistenza alla compilazione e invio telematico delle dichiarazioni, quasi 22mila richieste, e sulle abilitazioni per usufruire dei servizi telematici con oltre 28 mila prestazioni. Significativo anche il dato delle richieste con rilascio di certificazione, quasi 20mila.
Quasi 6.000 i contratti di locazione registrati telematicamente, senza recarsi allo sportello.
Massimo impegno anche sul fronte dell’assistenza telefonica: il Centro di Assistenza Multicanale di Salerno, sempre nel 2009, ha offerto assistenza telefonica a oltre 244 mila contribuenti.
Quasi 22 mila richieste hanno riguardato il servizio di correzione delle comunicazioni di irregolarità ai sensi dell’articolo 36-bis del D.P.R. 600 del 1973, mentre quasi 17 mila sono state le risposte fornite via e-mail.
"Il 2009 - ha commentato il direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate, Enrico Sangermano - è stato un anno denso per gli uffici campani: con la riorganizzazione in corso, che si concluderà nel 2010 e porterà definitivamente all’adozione del modello delle Direzioni Provinciali anche a Caserta, Salerno e Napoli, le nostre strutture hanno mantenuto altissimi i livelli dei servizi offerti ai contribuenti.
Sempre maggiore sarà l’uso delle tecnologie e di procedure atte a snellire e facilitare il rapporto tra contribuenti e Amministrazione finanziaria come, ad esempio, il nuovo canale Civis, che, partito lo scorso 15 gennaio, è subito “piaciuto” ai destinatari in quanto permette di fornire assistenza agli intermediari attraverso il web, evitando di recarsi presso gli uffici dell’Agenzia e privilegiando canali di comunicazione on line. Credo – conclude Sangermano – che questi siano importanti traguardi a cui tendere per migliorare e semplificare l’azione rivolta ai contribuenti."

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©