Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

BONANNI: CGIL DEVE FIRMARE, MA CAI PUO' ANDARE AVANTI ANCHE SENZA


BONANNI: CGIL DEVE FIRMARE, MA CAI PUO' ANDARE AVANTI ANCHE SENZA
23/09/2008, 11:09

Attacco a tutto campo di Raffaele Bonanni, segretario generale della Cisl, in favore della CAi per l'acquisto di Alitalia. Dimentico del fatto che i sindacati confederali, nel settore del trasporto aereo contano pochi aderenti (o magari proprio per questo, perchè non gli interessa molto, ndr) Bonanni ha invitato la CGIL a dimostrare la sua solidità, come sindacato, firmando l'accordo con la CAI. Inoltre ha dichiarato che l'unica offerta valida è quella della Compagnia Aerea Italiana, mentre offerte come quella fatta ieri dai sindacati di categoria (usare il TFR ed una quota del loro stipendio per creare un fondo col quale acquistare Alitalia) sono pericolose e fuorvianti, perchè danno l'illusione che ci siano alternative, quando in realtà non ce ne sono. Infine ha esortato la CAI ad andare avanti con la sua proposta, perchè "tanto il consenso che ha ottenuto è sufficiente (sic!) per andare avanti", anche se la società fa bene a cercare di allargarlo.

Nel frattempo continuano le accuse e le intimidazioni ai sindacati per costringerli a firmare un accordo che la stragrande maggioranza dei dipendenti Alitalia giudica pessimo. Oggi è toccato al Ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, che ai microfoni della trasmissione "Omnibus", su La7, ha detto che l'unica possibilità di andare avanti è che "i sindacati firmino l'accordo presentato dalla CAI, in modo da consentire al governo di provare a convincerli a tornare sui loro passi".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©