Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Crollano i listini dei gestori aeroportuali

Borsa: inizio di settimana negativo per Piazza Affari


Borsa: inizio di settimana negativo per Piazza Affari
19/04/2010, 20:04

MILANO – La settimana borsistica a Piazza Affari inizia con un trend negativo. Dopo un timido tentativo di risalita dai minimi in scia alla momentanea performance positiva di Wall Street, la Borsa di Milano è tornata sui livelli medi della giornata, risultando una delle peggiori performers in Europa.
Il Ftse All Share ha così riportato un calo dello 0,99% attestandosi a 23.318 punti, stessa variazione percentuale del Ftse Mib che si ferma a quota 22.785. Rosso deciso anche per il Ftse Star, che lascia sul parterre lo 0,89% a 11.597.
Ad appesantire il sentiment il caso Goldman Sachs, che ha messo sotto pressione l'intero comparto bancario e finanziario anche in Europa, nonchè il persistere dei forti disagi sul traffico aereo causati dall'eruzione vulcanica in Islanda.
A soffrire per l'immensa no-fly zone che è l'Europa in questi giorni non è stato solo il trasporto aereo europeo, ma anche quello italiano: il Ftse Travel & Leisure ha infatti ceduto più di un punto percentuale e mezzo, con pessime performance per i principali gestori aeroportuali quotati sul Listino milanese, come SAT, SAVE, Gemina e Meridiana Fly.
Non è scampata alle vendite nemmeno la big della ristorazione Autogrill, presente in numerosissimi aereoporti.
Particolarmente offerto il settore finanziario nonostante oggi Numura ne abbia migliorato il giudizio a livello europeo a "bullish" da "neutral", ritenendo che il caso Goldman sia stato sopravalutato.
Cir e Exor indossano la maglia nera del Ftse Mib.
Soffre anche il risparmio gestito con Mediolanum e Azimut.
In deciso controtrend Banca MPS, grazie all'upgrade di Deutsche Bank a "buy" da "hold" e STM dopo la proposta di un aumento della cedola da sottoporre ai soci alla prossima assemblea. Sarà pagato quest'anno un dividendo di 0,28 dollari, decisamente superiore a quello dello scorso anno.
Chiude in forte calo Fiat dopo aver condotto la maggior parte della sessione in positivo, mentre cresce l'attesa per i conti e il piano che verranno presentati in settimana.
Crolla Parmalat nel giorno dello stacco della cedola.
Fra le mid-cap scivolone di Pirelli Re, oggi in luce su rumors che la volevano in procinto di aprire le porte a nuovi soci, indiscrezioni smentite nel corso della mattinata.
Si sgonfia l'AS Roma, partita col botto dopo la vittoria del derby con la Lazio e la conferma del primo posto in classifica.

 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©