Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Piazza Affari chiude sui massimi di giornata

Borse europee in recupero

In rialzo pure Wall Street

Borse europee in recupero
09/12/2011, 20:12

MILANO – Piazza Affari ha chiuso la seduta sui massimi di giornata e in testa ai listini europei. Una buona ripresa: in apertura si era, infatti, registrato un calo a causa dell'accordo al ribasso raggiunto nel vertice notturno a Bruxelles.

Nel complesso migliorano ancora le Borse europee, grazie al dato sulla fiducia dei consumatori Usa: a fine seduta Londra recupera lo 0,95%, Francoforte l'1,92%, mentre Parigi guadagna il 2,48%. Si allenta  anche la tensione sui titoli di Stato: lo spread è salito fino a quota 450 punti base prima ritracciare a 421 punti sotto la chiusura di ieri (444 punti).

In rialzo pure Wall Street: il Dow Jones sale dell'1,4%, S&P dell'1,5%, Nasdaq dell'1,6%. Male, invece,  le Borse asiatiche: Tokyo ha chiuso in ribasso dell'1,48%.

Quanto alla politica economica, il vertice notturno del Consiglio europeo ha di fatto sancito la nascita di una Europa a due velocità con il no della Gran Bretagna a una modifica dei trattati. L’ Ue ha deciso di porre un limite al fondo permanente salva-Stati senza riuscire a raggiungere un accordo sulle modifiche dei trattati. La trattativa Ue a Bruxelles è andata avanti fino all'alba 3 di notte: dai 17 Paesi che adottano l'euro, è arrivato sostanzialmente un sì al rafforzamento della convergenza fiscale tra i membri dell'Eurozona. Nel corso della giornata l'intesa è stata allargata a 26 dei 27 Paesi dell'Unione europea, è rimasta fuori l'Inghilterra, perché secondo spiegato fonti ufficiali, le richieste britanniche hanno trovato il no di Francia e Germania. I colloqui sono comunque ripresi questa mattina e il premier David Cameron ha ribadito che il Regno Unito non vuole rimanere ai margini dell'Europa.

Il presidente del Consiglio europeo, Van Rompuy, ha quindi dichiarato che l'Ue renderà disponibili 200 miliardi di euro addizionali al Fmi 6.

L'euro è in lieve ripresa a 1,337 contro il dollaro, mentre il petrolio Wti che ieri ha perso il 2,1%, oggi risale oltre quota 98 dollari al barile.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©