Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Frana la produzione industriale nell’Ue

Borse giu. Bpt Italia boom: 7,3 miliardi di ordini


Borse giu. Bpt Italia boom: 7,3 miliardi di ordini
22/03/2012, 20:03

MILANO - L'attività delle imprese di Eurolandia peggiora oltre le previsioni a marzo e la recessione torna a far tremare i mercati. Le Borse europee chiudono così in netto ribasso mentre lo spread Btp-Bund torna sopra i 310 punti a quota 318. A peggiorare ancor di più le cose ci pensa l'affondo del “Financial Times” che è tornato a vedere l’ Italia e la Spagna “come talloni di Achille”.
Chiusura negativa dunque per la borsa di Milano , tra le peggiori in Europa sul finale con il Ftse Mib in calo dell'1,70% a 16.450 punti, dopo che nel pomeriggio i ribassi erano arrivati a superare i 2 punti percentuali. I rendimenti sui Btp a 10 anni sono saliti fino al 5,12 per cento oggi, tornando su livelli che non si vedevano da fine febbraio, mentre il loro differenziale o spread rispetto ai Bund tedeschi si è ampliato fino a 322 punti percentuali (318 in chiusura).
I mercati europei, seguiti da Wall Street, hanno risentito delle indicazioni negative sul settore manifatturiero in Cina e nell'Eurozona; su piazza Affari grava inoltre la risalita dello spread Btp-Bund. Sul listino milanese pesano le banche, a cominciare dal Banco Popolare ancora in scia ai risultati 2011. Male anche il comparto industriale, mentre limitano le perdite gli energetici. Pesante Mediaset; in controtendenza Telecom  e Stm. Stabile a 2,1 miliardi il controvalore degli scambi .
Si chiude invece alla grande l'offerta di Btp Italia. Oggi, sono arrivati ordini per 1,588 miliardi di euro con 29.118 richieste che, sommati a quelli raccolti negli ultimi tre giorni, portano il totale a 7,288 miliardi di euro con 133.479 richieste complessive. Il tasso annuo reale è del 2,45%.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©