Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

BORSE: TOKYO E WALL STREET ANCORA IN PICCHIATA


BORSE: TOKYO E WALL STREET ANCORA IN PICCHIATA
10/10/2008, 08:10

Continua il crollo delle borse, dopo l'apparente assestamento di ieri (dovuto evidentemente alla necessità di monetizzare i guadagni deigiorni precedenti). E così l'indice Nikkei della Borsa di Tokyo ha chiuso con un -9,56%, mentre il Dow Jones, negli Stati Uniti, ha perso il 7,63%, scendendo ad 8600 punti, un risultato mai raggiunto - in negativo - dall'agosto 2003. Se sipensa che solol'annoscorso l'indice statunitense era a 14 mila punti, vuol dire che in un anno ha perso il 35%. Questo ha influenzato anche il prezzo del petrolio, che è sceso ad 82 dollari al barile. Infatti,quanto più aumenta la paura dell'immediato futuro, tanto piùsi "scommette" su un forte rallentamento della crescita economica, soprattutto dei Paesi consumatori di petrolio (in primis USA, Cina ed India), e quindi su una minore richiesta di materie prime.

E oggi si terrà a Washington un G7,dove si ascoltera la relazione di Mario Draghi, in qualità di Presidente del Financial Stability Forum, a proposito dell'attuazione dei suggerimenti dell'FSF emanati il primo luglio.

 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©