Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Dato complessivo 3,2%, 4,2% per il "carrello della spesa"

Cala l'inflazione, ma non per i beni di prima necessità


Cala l'inflazione, ma non per i beni di prima necessità
22/02/2012, 10:02

ROMA - Confermati i dati Istat sull'aumento dei prezzi di gennaio. L'inflazione complessiva è al 3,2%, in diminuzione rispetto al 3,3% di dicembre; su base mensile, la crescita rispetto a dicembre è stata dello 0,8%. Ma il calo dei prezzi è stato causato anche dall'aggiornamento del paniere dei beni che l'Istat compie regolarmente ogni primo gennaio. La sostituzione di alcuni prodotti con altri ha consentito un risultato migliore.
Diverso è il discorso per il "carrello della spesa", cioè quel paniere di beni di prima necessità e di uso comune che viene calcolato da alcuni anni. In questo caso l'aumento dei prezzi c'è stato: 4,2% rispetto a gennaio 2011, in aumento rispetto al dato di dicembre.
A far alzare i prezzi sono stati soprattutto il settore alimentari e quello dei caburanti. In particolare quest'ultimo ha visto aumenti del 17,4% rispetto al gennaio 2011 e del 4,9% rispetto a dicembre per la benzina e del 25,2% e del 4,7% per il gasolio.
Un dettaglio di cronaca: scendono le spese bancarie. Registrano un -6,5% su base annua e un -2,3% su base mensile grazie alle misure apportate dall'ultima manovra finanziaria del governo Monti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©