Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Previste altre iniziative per il settore calzaturiero

Campania: artigianato e calzaturiero rilanciati da Martusciello

Dopo due anni di stallo, la Regione punta sulla produttività

Il consigliere delegato alle attività produttive Fulvio Martusciello
Il consigliere delegato alle attività produttive Fulvio Martusciello
12/01/2013, 17:14

Giovedì prossimo 17 gennaio saranno ricostituite dalla Regione Campania le commissioni provinciali per l'Artigianato di Napoli, Avellino, Caserta e Benevento che da agosto 2012 avendo terminato il loro mandato quinquennale risultavano bloccate per aspetti burocratici. «La restituzione dell'ordinarietà agli organismi di autotutela della categoria - sottolinea una nota delle organizzazioni sindacali Casartigiani, Confartigianato, Cna e Claai - si deve a Fulvio Martusciello, consigliere delegato per le attività produttive della Regione Campania. A lui va l'apprezzamento delle Confederazioni Artigiane e della commissione regionale per l'Artigianato, per l'immediato interesse dimostrato a rendere funzionanti gli organismi che in Campania curano 80.000 posizioni Artigiane». «Le CPA oltre a curare l'Albo Artigiani, per iscrizioni, variazioni e cancellazioni, a partire da giovedì - si annuncia - avranno anche il nuovo compito di attribuire la qualifica di Maestro Artigiano, indispensabile all'istituzione della Bottega Scuola presso imprese di qualità e comprovata esperienza, un nuovo e moderno dispositivo varato dal Presidente Caldoro il 31.12.2012, che mette la Campania al passo con la Lombardia e il Piemonte su tale aspetto». «Negli Organismi oltre alle storiche confederazioni di categoria Confartigianato, Casartigiani, Cna e Claai rappresentante dai propri Artigiani è presente l'INPS, l'Ispettorato del Lavoro, l'Unione Industriali, il sindacato, L'ABI, e la stessa Regione Campania per il tramite di funzionari ed esperti della materia. Il presidente Caldoro con il rinnovo delle CPA - conclude la nota - riconferma l'attenzione della sua giunta verso un importante segmento produttivo su cui puntare per un rilancio dell'economia e l'occupazione».

«Le istituzioni - hanno il compito di accompagnare le imprese con gli strumenti più adeguati a mettere in campo azioni di promozione e penetrazione dei mercati esteri»: lo ha detto il consigliere delegato delle attività produttive della Regione Campania, Fulvio Martusciello, commentando l'istituzione del tavolo con le associazione calzaturieri. «Il PAC, Piano di Azione e Coesione - ha sottolineato Martusciello - prevede una dotazione di 20 milioni di euro destinati alle azioni di internazionalizzazione in sinergia con l'ICE: vogliamo insistere sulla necessità strategica di creare occasioni di business per le imprese campane su scala internazionale e lo faremo attraverso la riattivazione dello SPRINT per informare e accompagnare le PMI, ma anche attraverso dei voucher per l'internazionalizzazione, di prossima attivazione, finalizzati a favorire la partecipazione delle imprese a fiere ed eventi di sistema». «Le aziende campane - ha detto Pasquale Della Pia, della giunta ANCI - guardano con interesse soprattutto al Sud Est asiatico e al mercato russo, in particolare attraverso la partecipazione alle manifestazioni in Giappone e Corea e a Obuv' Mir Koi a Mosca, oltre alla grande novità per il 2013 di theMICAMshanghai, che aprirà la sua prima edizione dal 9 all'11 aprile. Si tratta di eventi che rientrano nell'intensa attività di internazionalizzazione di ANCI in collaborazione con ICE e con importanti Enti Fiera come Bologna Fiere e Fiera Milano. Il lavoro di ANCI insieme a Regione Campania - ha concluso - ha proprio l'obiettivo di valorizzare e ottimizzare gli sforzi dell'Associazione e delle imprese calzaturiere del territorio sui mercati esteri».

Un tavolo per lo sviluppo competitivo del settore calzaturiero è stato istituito presso l' assessorato alle Attività produttive della Regione Campania. Il tavolo, al quale partecipa l'ANCI (Associazione Nazionale Calzaturifici Italiani) ha per obiettivo l'individuazione delle strategie utili a valorizzare le realtà industriali campane di eccellenza e la loro produzione artigianale di alta qualità, dando loro strumenti concreti per posizionarsi sui mercati esteri più promettenti. Il distretto campano (1.500 imprese con oltre 8.000 addetti) è uno dei primi sette a livello nazionale e nel primo semestre 2012 le esportazioni hanno raggiunto un valore di 116,12 milioni di euro, con una crescita del 10% rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente. Tra i principali Paesi di destinazione del distretto vi sono quelli dell'Europa Occidentale (in particolare Francia, Svizzera e Belgio); Russia e Giappone occupano il sesto e settimo posto. Alla luce del difficile momento dei mercati internazionali che sta colpendo soprattutto l'Europa, viene ritenuto strategico per il distretto campano andare oltre i confini della UE e rafforzarsi sui mercati russi e asiatici, in particolare Cina e Far East. Il tavolo ha definito quattro temi principali di interesse, sui quali si concentreranno le attività: innovazione organizzativa,di prodotto e di processo;internazionalizzazione; comunicazione e marketing; formazione. Per mercoledì 23 gennaio è stato fissato un incontro con le imprese del settore per la presentazione dei programmi del tavolo. In quella occasione sarà presentato il primo contratto di rete all'interno del comparto calzaturiero, con l'illustrazione delle azioni di internazionalizzazione predisposte a sostegno del settore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©