Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

L’aumento corrisponde all'adeguamento all'inflazione

Canone Rai, nuova stangata: si pagherà 112 euro l’anno

Un euro e 50 centesimi in più rispetto al 2011

Canone Rai, nuova stangata: si pagherà 112 euro l’anno
23/12/2011, 18:12

ROMA – Dopo i tanti sacrifici chiesti agli italiani con la manovra economica, diventata ormai legge, arriva anche la notizia dell’aumento del canone Rai: si pagherà 112 euro, un euro e 50 centesimi in più rispetto ai 110,50 euro dello scorso anno. La cifra, che compare sul sito abbonamenti della tv pubblica, è relativa al pagamento in un'unica rata.

 “La priorità è la lotta all'evasione del canone, ma se questo non è possibile sono favorevole ad un suo adeguamento almeno in termini inflattivi”, aveva detto qualche giorno fa il presidente della Rai, Paolo Garimberti sottolineando inoltre la possibilità di adottare canoni differenziati per i meno abbienti. E l'aumento, che normalmente viene fissato dal ministero dell'Economia, corrisponde all'adeguamento all'inflazione.

Il presidente della Rai, ha anche spiegato il motivo per cui non viene applicato l’inserimento del canone nella bolletta elettrica: “Nessuno si prende la responsabilità di una leggina che renderebbe cogente il pagamento di una tassa considerata tra le più odiate dagli italiani”. Una dichiarazione fatta non a caso: in una recente indagine da parte della Cgia di Mestre è risultato che il 41% dei contribuenti evade il canone Rai considerandolo un balzello inutile.

Lo scorso 15 dicembre la Rai ha approvato il budget 2012, con una previsione di perdita di 16 milioni di euro e tagli per almeno 112 milioni.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©