Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

CARO MUTUI, COVIELLO: ANCHE LE ASSICURAZIONI SONO RESPONSABILI


CARO MUTUI, COVIELLO: ANCHE LE ASSICURAZIONI SONO RESPONSABILI
17/07/2008, 16:07

" Dopo il record registrato dall'ABI circa i tassi sui mutui (saliti al 5,85% massimo registrato dall'agosto 2002, ndr), la portabilità dei mutui -che già si è rivelata una via crucis per i consumatori- ora incontra un nuovo ostacolo: la polizza assicurativa. Molti cittadini denunciano, infatti, come sia  quasi impossibile  estinguere le polizze che assistono il mutuo laddove si intende spostarlo presso un'altra banca e di conseguenza la possibilità di cercare tassi migliori diventa una utopia."

A lanciare l'allarme è
il professore Antonio Coviello, "Difensore dell'Assicurato" e docente di Marketing Assicurativo nella Seconda Università di Napoli, che ha spiegato il meccanismo che obbliga il cliente che accende un mutuo a sottoscrivere una polizza assicurativa a garanzia dello stesso.

"Il mutuo immobiliare -spiega Coviello- risulta assistito da una polizza incendio dell'immobile cui si aggiunge una polizza Temporanea Caso Morte, relativa al rischio di decesso anticipato del mutuatario. Per concedere il mutuo, quindi, la banca impone sovente simili coperture che, nell'ipotesi di un trasferimento del prestito, dovrebbero essere anch'esse portabili. Ma il problema nasce allorquando il premio e le commissoni sono generalmente pagate in anticipo, sotto forma di 'premio unico' e le provviggioni elevate; così se si vuole cambiare banca, l'istituto di credito chiede una nuova polizza, rendendo il cambio di fatto impossibile".

"L'invito-conclude l'esperto- che rivolgo è duplice; ai clienti-consumatori quello di valutare il costo per estinguere la vecchia polizza: se è ingiustificatamente alto -dal momento che non si recupera premio e commissioni pagate- è necessario 'trattare' la questione con la propria banca prima di prendere qualsivoglia decisione; alle istituzioni preposte chiedo, invece, di fare luce sulla vicenda: sollecitare le compagnie assicurative a interpretare le norme sulla rescindibilità delle polizze al fine di garantire al cliente che vuole estinguere la polizza la restituzione integrale della quota di premio assicurativo non goduto e riconsiderare la misura delle provviggioni applicate che sono eccessivamente penalizzanti per gli assicurati".

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©