Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Censis: italiani costretti a vendere i gioielli di famiglia

La disoccupazione raggiunge livelli allarmanti

Censis: italiani costretti a vendere i gioielli di famiglia
08/12/2012, 11:00

ROMA – La crisi si fa sentire sempre di più e gli italiani sono costretti a dare fondo ad ogni risorsa per arrivare alla fine del mese.  I redditi sono tornati indietro di almeno vent’anni e ormai le sole rinunce non bastano più. Questo è quanto emerge dal rapporto annuale del Censis sulla situazione sociale del Paese. Nel rapporto si legge: “Negli anni '90 il reddito medio pro-capite delle famiglie è aumentato, passando da circa 17.500 a 18.500 euro, si è mantenuto stabile nella prima metà degli anni 2000, ma a partire dal 2007 è sceso ai livelli del 1993: -0,6% in termini reali tra il 1993 e il 2011”.

Dallo studio emerge inoltre che oltre 2,5 milioni di famiglie hanno dovuto vendere oro e gioielli di famiglia  negli ultimi due anni, 300.000 famiglie mobili e opere d’arte, l’85% delle famiglie ha eliminato sprechi ed eccessi e il 73% è in cerca di offerte e sconti.

Secondo il Censis quindi l’Italia sta affrontando una vera e propria prova di sopravvivenza. Nel giro di vent’anni la quota di famiglie con una ricchezza superiore ai 500.000 euro è raddoppiata passando dal 6% al 12,5%, mentre la ricchezza del ceto medio è diminuita passando dal 66,4% al 48,3%.

Trovare lavoro poi è sempre più difficile e la disoccupazione raggiunge livelli allarmanti: 2,75 milioni di italiani sono disoccupati e tra questi il 52% ha meno di 35 anni, con un incremento della disoccupazione del 34% dal primo semestre del 2011 al secondo.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©