Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Quest'anno si arriverà a 77 miliardi, nel 2014 a 84

Cgia Mestre: dal 2000 ad oggi manovre per quasi 600 miliardi


Cgia Mestre: dal 2000 ad oggi manovre per quasi 600 miliardi
26/11/2011, 15:11

ROMA - Tra il 2000 ed oggi sono state fatte in Italia ben 20 manovre finanziarie, che hanno salassato gli italiani per un totale di 575 miliardi (nel calcolo è compresa la manovra finanziaria di Monti, supponendo che sia da 25 miliardi). Le cifre naturalmente sono attualizzate (cioè si è immaginato che negli ultimi 11 anni ci sia stata una inflazione pari a zero). Volendo dividere la somma per ogni contribuente, sono 6178 euro ad individuo.
In più una aggravante: dal 2008 in poi le manovre finanziarie sono state poliennali, per cui gli effetti si sono sommati.Per esempio nel 2011 le varie manovre che si sono succedute tra il 2008 ed oggi ci sono costate 77 miliardi; nel 2014 si raggiungeranno gli 84 miliardi.
Tuttavia, ci sono tre cose da sottolineare, che la Cgia di Mestre si guarda bene dal mettere in evidenza. La prima è la disparità delle somme: tra il 2008 e il 2011 si sono fatte manovre economiche per oltre 200 miliardi (con quella di Monti superiamo i 220), incrementando nettamente la media annuale. La seconda sono i risultati ottenuti: le tasse imposte tra il 2001 e il 2006 e tra il 2008 e il 2011 sono state inutili, dato che hanno solo fatto crollare la crescita e aumentato il debito. Invece tra il 2006 e il 2008 il debito e il deficit sono stati ridotti. Ed infine il diverso impatto sulla fasce della popolazione: la maggior parte delle manovre sono state fatte per colpire gli strati medio e medio bassi della popoalzione, mentre i ricchi non sono stati toccati da queste misure se non in misura marginale. E questo ha provocato una concentrazione delle ricchezze in un numero sempre più ridotto di mani; la base per una economia paralizzata ed in declino.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©