Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Più ottimismo per il 2015 e il 2016, ma a condizione che...

Cgia Mestre: nel 2014 più tasse per 1,1 miliardi


Cgia Mestre: nel 2014 più tasse per 1,1 miliardi
02/11/2013, 11:10

ROMA - Aumento in vista per le tasse. E' quello che dice la Cgia di Mestre, esaminando la legge di stabilità, per come è stata licenziata dal governo. Infatti, secondo i loro calcoli, le misure prese garantiranno maggiori tagli fiscali per 5,1 miliardi e maggiori entrate per 6,2 miliardi. QUindi con un deficit per i cittadini di 1,1 miliardi. Se il governo manterrà gli impegni di tagliare le spese, le cose miglioreranno negli anni successivi, con 3 miliardi a vantaggio dei cittadini nel 2015 e 7 miliardi nel 2016. Se invece gli impegni non saranno mantenuti, nel 2015 il vantaggio sarà solo di 300 milioni, mentre nel 2016 la differenza tra tagli e tasse sarà a vantaggio dello Stato per 1,3 miliardi. 
Nelle valutazioni non sono comprese le decisioni che prenderanno i singoli comuni a proposito della Trise (la tassa che comprende sia la Tarsu che l'Imu): l'ipotesi della Cgia è che le tasse comunali siano ai minimi in modo da essere equivalenti a quelle attuali. Se però i sindaci, strangolati dai tagli nei trasferimenti dallo Stato centrale, dovessero aumentare le tasse, i calcoli sarebbero ancora più svantaggiosi per i cittadini. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©