Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Le conseguenze del blocco degli stipendi fino al 2014

Cgil: gli statali perderanno 1600 euro nei prossimi 4 anni

La CIsl: "All'estero hanno fatto di peggio"

Cgil: gli statali perderanno 1600 euro nei prossimi 4 anni
28/12/2010, 13:12

ROMA - Il blocco degli stipendi nell'amministrazione pubblica? Costerà 1600 euro nei prossimi 4 anni. Lo dice il centro studi della Cgil, basandosi su un semplice dato. L'incremento degli stipendi, calcolato sull'inflazione prevista, nel triennio 2011-2013 è del 4,2%. Dato che ogni punto sono circa 20 euro lordi, il dato totale sono 90 euro, divisi in tre tranche di 30 euro. Totale 400 euro all'anno, cioè 1600 in 4 anni. Naturalmente questo non è solo per il prossimo quadriennio, perchè il blocco degli scatti di carriera e degli stipendi si ripercuoterà per il resto della carriera lavorativa dei lavori pubblici e di conseguenza anche sulla pensione.
Anche la Cisl concorda con queste valutazioni economiche, ma le considera di scarsa rilevanza, come dimostrano le dichiarazioni del segretario confederale Cisl, Gianni Baratta: "Il blocco dei contratti è una ferita ma se guardiamo al panorama europeo le decisioni degli altri Paesi sul lavoro pubblico sono state più pesanti". DIchiarazioni confermate dal segretario della Fp-Cisl, Giovanni Faverin: "In 17 Paesi europei non si sono limitati al blocco dello stipendio in essere ma hanno deciso tagli delle retribuzioni rilevantissimi. In Spagna è stata del 5% mentre in Irlanda hanno avuto tagli del 13%. E puntiamo a recuperare risorse con la contrattazione integrativa". Ci sarebbe però da sottolineare che le nazioni indicate sono quelle più colpite dalla crisi, quindi - secondo le parole del governo - realtà che non ci riguardano.
Bisogna considerare anche che le norme prevedono un forte taglio nel numero dei dipendenti pubblici, attraverso un blocco parziale del turn-over: potranno entrare solo 2 persone, ogni 10 che se ne andranno via. E questo provocherà nel prossimo biennio un calo di occupazione di circa 250 mila unità.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©