Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

"Così peggioreranno soltanto le condizioni di lavoro"

CGIL, "La liberalizzazione non aiuta i consumi"


CGIL, 'La liberalizzazione non aiuta i consumi'
04/01/2012, 18:01

ROMA - «La crisi economica e le misure messe in campo con l'ultima manovra nazionale certamente non stimolano la crescita e difficilmente si potranno sostituire le risorse economiche tagliate e la mancanza di concrete politiche per lo sviluppo con dei surrogati dal forte sapore ideologico. La liberalizzazione degli orari di apertura decisa dal Governo centrale certamente non agevolerà la ripresa dei consumi e sicuramente contribuirà a peggiorare le condizioni di lavoro degli addetti al settore del commercio al dettaglio». È quanto dichiarano in una nota congiunta Roberto Giordano, segretario Cgil di Roma e del Lazio, e Alessandra Pelliccia, segretaria Filcams Cgil di Roma e del Lazio. «L'idea che aumentando l'offerta aumenti conseguentemente anche la domanda è la medesima che ci ha condotto al tracollo del sistema economico che oggi è sotto gli occhi di tutti. Nello specifico, - continuano - sicuramente aumenterebbero i costi di gestione degli impianti, scaricandosi direttamente sui prezzi al consumo e sulla qualità dei rapporti di lavoro» «Chiediamo, pertanto, alla Regione Lazio di impugnare il provvedimento davanti alla Corte Costituzionale, in quanto materia di competenza regionale e di portare avanti la discussione sulla legge regionale del settore del commercio, inclusa la regolamentazione degli orari, anche al fine di offrire un servizio certo al consumatore. Inoltre, pur apprezzando, la convocazione di un tavolo con gli esercenti e le associazioni di categoria dell'assessore capitolino alle Attività produttive, Davide Bordoni, chiediamo - aggiungono Giordano e Pelliccia - che non dia seguito all'applicazione della norma nazionale.» E infine «Ci aspettiamo, che tutte le Amministrazioni comunali del Lazio convochino a loro volta, tavoli di confronto con le organizzazioni sindacali e le associazioni datoriali di categoria». 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©