Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

CITTA’ MEDIE, AL VIA IL PROGRAMMA INTEGRATO URBANO DI AFRAGOLA E TORRE DEL GRECO


CITTA’ MEDIE, AL VIA IL PROGRAMMA INTEGRATO URBANO DI AFRAGOLA E TORRE DEL GRECO
25/11/2008, 14:11

Sono stati firmati oggi a palazzo S. Lucia gli accordi con i comuni di Afragola e di Torre del Greco per l’avvio dei programmi di riqualificazione urbana delle due città.

 
Le intese sono state firmate dal presidente della Regione Campania Antonio Bassolino e dai sindaci di Afragola Vincenzo Nespoli e di Torre del Greco  Ciro Borriello. Era presente l’assessore al Governo del Territorio Gabriella Cundari.
 
La Regione investe complessivamente oltre 66 milioni di euro, di cui oltre 31 milioni di euro per il programma di Afragola e più di 35 milioni di euro per il finanziamento di quello di Torre del Greco. 
 
Entrambi i comuni cofinanziano i programmi con una quota pari al 10%
 
Il programma integrato di Afragola prevede una serie di azioni volte a migliorare l’accessibilità dell’area; riqualificare il sistema di viabilità; integrare il trasporto collettivo; creare nuove piazze e qualificare quelle già esistenti; istituire aree di sosta; ridurre le aree di marginalità, creare nuove aree verdi e riqualificare quelle esistenti.
 
Viene anche prevista la realizzazione di strutture sportive, la riqualificazione della Villa Comunale e il recupero del complesso del Santuario e Convento di Sant’Antonio.
 
Il programma di Torre del Greco ha come obiettivo principale la riqualificazione della zona portuale e le aree del centro storico. L’area di intervento comprende anche parti del percorso compreso tra Capo Torre e Villa Matarazzo-Pignatelli, ossia il terminale dell’asse storico del “Miglio D’Oro”.
 
Sono previste iniziative volte a rafforzare e potenziare il tessuto imprenditoriale, riqualificare il contesto urbanistico e quello edilizio, promuovere forme di mobilità sostenibile.
Il programma di Torre del Greco si muove in maniera integrata con le iniziative intraprese dai comuni di Portici e Castellammare, che attraverso i rispettivi programmi integrati urbani hanno programmato analoghe linee di intervento volte al risanamento urbanistico e alla valorizzazione del tessuto socio economico.
 
L’accordo prevede inoltre risorse premiali aggiuntive che saranno a disposizione dei due comuni in caso di raggiungimento di alcuni importanti obiettivi come: il 35% della raccolta differenziata; la lotta contro l’abusivismo; l’informatizzazione dei servizi pubblici; l’incremento dei servizi sociali; l’utilizzo di sistemi di trasporto ecologico.
 
“Questi importanti accordi – sottolinea il presidente Bassolino -  sono il risultato di una scelta strategica della Regione: concentrare importanti risorse nello sviluppo delle città con una popolazione superiore ai 50 mila abitanti.
 
“Per questo abbiamo già dato vita, con quelli sottoscritti oggi, a 15 importanti accordi con i comuni di Castellammare, Cava dei Tirreni, Caserta, Napoli, Benevento, Salerno, Giugliano, Ercolano, Avellino, Acerra, Portici, Scafati, Battipaglia.
 
“Vogliamo continuare su questa strada perché siamo convinti che le città medie e grandi della Campania hanno enormi potenzialità e il loro sviluppo rappresenta una importante opportunità per la crescita complessiva della nostra regione”, conclude il presidente Bassolino.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©