Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

COLDIRETTI, TORNA A NAPOLI L'AGRIMERCATO


COLDIRETTI, TORNA A NAPOLI L'AGRIMERCATO
27/01/2009, 13:01

L’Agrimercato dei produttori agricoli, insieme alla IV Municipalità del Comune di Napoli, alla Coldiretti e alla Fondazione Campagna Amica  propone per mercoledi 28 gennaio 2009, dalle 9 alle 14 ai cittadini consumatori napoletani un nuovo appuntamento al Centro Direzionale. Sarà possibile cogliere nuovamente  l’opportunità dell’acquisto diretto dai produttori delle produzioni ortofrutticole del territorio provinciali, tipiche di stagione, di origine, sapore e qualità certa, insieme al miele, alle conserve di ortaggi e frutta di vario genere, agli olii extravergini d’oliva, ai  vini, i formaggi, i dolci tipici locali e cioccolato di puro cacao. Con l’iniziativa intendiamo – evidenzia il presidente della Coldiretti napoletana, Filomena Cacciopoli  - onorare il patto stipulato con i consumatori di garantire un’alimentazione sana, gustosa e a prezzi giusti,  creando le condizioni di un contatto più facile e diretto con le produzioni delle imprese agricole locali che sono alla base della dieta mediterranea e garantiscono la qualità, il sapore, la genuinità, la varietà, la sicurezza e la convenienza: esigenza particolarmente sentita a Napoli che sconta insieme ai più alti indici di  obesità, ancora una volta i più alti aumenti percentuali dei prezzi generi alimentari. I mercati dei produttori agricoli sono la dimostrazione di come nella forbice dei prezzi tra produzione e consumo ci sono ampi margini da recuperare per garantire acquisti convenienti alle famiglie e sostenere le risorse territoriali e reddito degli agricoltori in un momento di difficoltà economica precisa la Coldiretti nel sottolineare l’importanza della razionalizzazione dei passaggi  della filiera dal campo alla tavola.
Secondo una recente indagine SWG - Coldiretti la migliore soluzione per frenare l’aumento dei prezzi è proprio quella di favorire  gli acquisti direttamente dal produttore (38 per cento), perché  i prodotti del territorio, garantiscono un acceso più diretto e conveniente ad una alimentazione di qualità,  genuina, sicura, gustosa  conveniente.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©