Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Commercialisti. Chiusura liti fiscali pendenti: l'Agenzia delle Entrate incontra le professioni


Commercialisti. Chiusura liti fiscali pendenti: l'Agenzia delle Entrate incontra le professioni
22/10/2011, 09:10

“Auspico una sempre maggiore collaborazione tra professionisti e Agenzia delle Entrate nel rispetto dei diritti e degli interessi generali e dei contribuenti”. Così il presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Caserta Pietro Raucci a conclusione dell’incontro sul tema: “Chiusura facile per le liti pendenti”, promosso dalla Direzione Regionale Campania dell’Agenzia delle Entrate presso la sede della Direzione Provinciale in via Santa Chiara a Caserta.
La riunione che ha visto la presenza dei rappresentanti degli Ordini professionali, della Commissione Tributaria e delle maggiori sigle sindacali imprenditoriali operanti in provincia di Caserta, ha avuto come scopo quello di informare sulle opportunità offerte dalla manovra estiva in materia di chiusura agevolata delle liti fiscali pendenti e promuovere lo strumento normativo.
Dopo i saluti del Direttore della Direzione Provinciale dell’Agenzia delle Entrate di Caserta, Patrizia Palma, gli interventi del responsabile del settore contenzioso dell’Agenzia delle Entrate - Direzione Regionale della Campania, Baldino Coppola, il capo area legale della Direzione Provinciale di Caserta, Vincenzo Caruso. Quindi, Luisa Maria Maietta, responsabile dell’area controllo dell'Agenzia delle Entrate - Direzione Provinciale di Caserta. Nel corso del dibattito sono stati forniti importanti chiarimenti di carattere normativo e organizzativo, soprattutto in merito ai diversi quesiti formulati dal Presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti Raucci.
I funzionari dell’Agenzia, infatti, si sono soffermati, oltre che sulle novità introdotte dalla manovra estiva, sulle opportunità offerte ai contribuenti che hanno un contenzioso aperto con l’Agenzia delle Entrate, il cui valore non supera i ventimila euro. Attraverso il pagamento di un importo forfettario, da effettuarsi entro il 30 novembre 2011. Infatti, sarà possibile arrivare ad una definizione agevolata per le controversie fiscali pendenti al 1° maggio 2011 davanti alle Commissioni tributarie, al Giudice ordinario e alla Cassazione. La chiusura riguarda tutti gli atti impositivi compresi gli avvisi di accertamento e i provvedimenti di irrogazione delle sanzioni.
Il Presidente Raucci, da parte sua, ha chiarito gli effetti del condono sulle iscrizioni provvisorie a ruolo conseguenti agli atti oggetto di definizione agevolata e quindi sulle cartelle di pagamento non ancora scadute o rateizzate per le quali l'Agenzia ha espresso rassicurazioni circa la sospensione dal pagamento a semplice richiesta dell'interessato, previa esibizione della quietanza di pagamento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©