Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Commercialisti: "E’ giunta l’ora della mobilitazione"


Commercialisti: 'E’ giunta l’ora della mobilitazione'
01/12/2011, 12:12

NAPOLI – E’ giunta l’ora della mobilitazione: una giornata delle Professioni, con presenza nelle piazze di cento città italiane e una manifestazione generale a Roma, con la quale il comparto deve far sentire la propria voce di fronte a interventi normativi come la Legge di stabilità per il 2012, che incidono pesantemente sulla nostra attività e sugli interessi dei terzi, tutelati dalle Professioni. È quanto emerso dal tavolo tecnico tenutosi oggi presso la sede dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli, a cui hanno partecipato i rappresentanti delle associazioni sindacali di categoria, i delegati delle casse di previdenza e i consiglieri dell’Ordine e numerosi iscritti all’albo.  
“Appare ormai evidente come il mondo delle professioni sia ritenuto di fatto di secondaria rilevanza – ha sostenuto Achille Coppola, presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli -. Da ultimo, l’attuale presidente del Consiglio, Mario Monti, non ha convocato le categorie professionali nell’ambito degli incontri istituzionali, perpetuando il comportamento dei governi passati. Se si vuole far ripartire il treno della crescita italiana, non si può non confrontarsi con le categorie”.
“È indubbio che l’urgenza dei tempi e l’emergenza dei temi economici richiedano il concorso di tutti, nessuno escluso, al bene pubblico”, ha spiegato il consigliere segretario dell’Ordine Vincenzo Moretta. “Ci chiediamo, però, se le esigenze di crescita del Paese possano davvero prescindere dal contributo dei Professionisti”.
Secondo Bruno Miele, vicepresidente Odcec Napoli, “È quanto mai opportuno unire le forze: Ordini e Casse di Previdenza devono far sentire il loro peso economico-politico. Il volume d’affari complessivo mosso dagli oltre due milioni di iscritti ai diversi Ordini professionali è stimato in circa 195 miliardi di euro. Dai Consigli Nazionali ci attendiamo, pur consapevoli delle difficoltà, uno sforzo in più, di concretezza, di efficacia, di condivisione interna”.
Tra le proposte varate dal tavolo tecnico aperto oggi presso la sede dell’Ordine di Napoli, figura un presidio permanente di confronto, che avrà il compito di monitorare le iniziative associative e le innovazioni legislative in itinere, allo scopo di valutare le necessarie azioni di mobilitazione.
 È emersa altresì la necessità di un filo diretto con il Consiglio Nazionale, con i grandi Ordini e con gli altri Ordini campani, compresi quelli delle altre categorie professionali.
Il secondo incontro del tavolo tecnico è previsto per mercoledì, 7 dicembre, ore 9,00. E’ stato inoltre istituito l’indirizzo di posta elettronica protesta@odcec.napoli.it , che consentirà a tutti gli iscritti di Napoli di sottoporre proposte, suggerimenti e risorse per le attività da realizzare.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©