Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

L'appuntamento è giovedì 20 dicembre 2018 alle ore 15,00

Commercialisti, il caso della Apple Developer Academy a Napoli

Focus sullo sviluppo delle imprese e del marketing

Commercialisti, il caso della Apple Developer Academy a Napoli
18/12/2018, 19:34

NAPOLI - “I Commercialisti per lo sviluppo delle imprese e del marketing territoriale: il caso della Apple Developer Academy e Napoli” è il tema del forum che si terrà giovedì 20 dicembre alle ore 15,00 nella sala conferenze dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli (Piazza dei Martiri 30).

Ai lavori, introdotti da Vincenzo Moretta (numero uno dei commercialisti partenopei) e Vincenzo Tiby (consigliere delegato dell’Odcec di Napoli) interverranno alla tavola rotonda Giorgio Ventre (direttore dell’Academy e ordinario presso l’Università  Federico II di Napoli), Roberto Vona (ordinario di Economia e Gestione delle Imprese dell’Università Federico II), Vincenzo Moretti (sociologo e narratore che racconta il #lavorobenfatto su Nova Il Sole 24 Ore). Le conclusioni saranno affidate ad Amelia Scotti (presidente della commissione innovazione sociale).

 “Partendo dalla nuova iniziativa, di indubbia caratura internazionale, realizzata dalla Apple a Napoli – ha sottolineato Giovanni Tomo, presidente della commissione marketing territoriale e studi professionali -, occorre ricordare che i dottori commercialisti sono quotidianamente al fianco degli imprenditori in un mercato sempre più competitivo, magari scoraggiati da difficoltà o complessità sempre crescenti”.

“Sempre più spesso notiamo tuttavia una loro scarsa attenzione alle opportunità di nuove idee di  sviluppo o di innovazione, delle quali pure,  in tanti casi, ci facciamo promotori o facilitatori.

Eppure sono proprio le nuove idee che possono innescare lo sviluppo delle imprese, del territorio e quindi della nostra professione. Il caso Apple ci offre un importante spunto di riflessione sia sotto il profilo delle opportunità, sia dirette che indirette ovvero sinergiche”.

Commenta Stampa
di Emilia Velardi
Riproduzione riservata ©