Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Confapi Caserta promuove un incontro per discutere degli immigrati nel mondo del lavoro


Confapi Caserta promuove un incontro per discutere degli immigrati nel mondo del lavoro
21/03/2012, 13:03

 Napoli, 21 marzo 2012. Giovedì 22 marzo dalle 9 alle 16 presso l’ auditorium del Centro Giovanile Sant’ Antonio, si terrà un convegno dal titolo “ Giornata contro il Razzismo- BE DIFFERENT BE RICH”promossa e coordinata dalla Confapi Caserta e APID Gruppo Donne imprenditrici Caserta, con la collaborazione di Confartigianto Caserta, Confesercenti Caserta e di Coldiretti Caserta. L’appuntamento si inserisce nella settimana di azione contro il razzismo, giunta alla settima edizione, indetta dall’ UNAR - Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Ministero per le Pari Opportunità e con il Patrocinio dell’UNHCR. Tra i soggetti coinvolti per affrontare l’importante tematica ci saranno rappresentanti Istituzionali dell’intera Provincia Casertana, rappresentanze datoriali e sindacali e i rappresentanti dei principali organismi e associazioni antirazziali e di immigrati sul territorio casertano. Il mondo Confapi e l’UNAR, nell’ambito della programmazione nazionale delle attività di animazione territoriale previste in molte regioni d’Italia nella settimana dal 21 al 28 marzo, hanno deciso di focalizzare l’attenzione sulla questione del rapporto tra immigrati e mondo del lavoro, consapevoli di quanto oggi il tema del lavoro sia strettamente collegato a quello dell’accoglienza degli immigrati ed insito nella più ampia visione del concetto di legalità.

L’obiettivo sarà quello di fare emergere attraverso il confronto le esigenze e le necessità di una forza lavoro, come quella degli immigrati, sempre più peculiare nel sistema produttivo casertano con una attenta analisi degli imprenditori riguardo alla risorsa immigrati e le prospettive del ruolo di primo piano delle imprese nei processi di integrazione sociale degli stranieri in un quadro più ampio di integrazione professionale. Nel corso della mattinata interverranno Guido Longo Questore, Domenico Zinzi Presidente della Provincia di Caserta, Tommaso De Simone Presidente C.C. I. A.A. di Caserta, Pio Del Gaudio Sindaco di Caserta Domenico Orabona Presidente Confapi Caserta, Valeria Barletta Presidente APID Caserta, Marco Buemi, Esperto Ufficio Comunicazione UNAR, Emilio Alfano Presidente Confapi Regione Campania, Francesca Sapone Consigliera di Parità Provincia di Caserta, Maurizio Pollini Presidente Confesercenti Caserta, Dieng Ibrahima Coopresidente ANOLF Caserta, Mamadou Sy Presidente Associazione Senegalesi, Domenico D’Amico Refente Attiv. Tutela Immigrati CSA Ex Canapificio, Emanuela Borrelli Responsabile Dipartimento Immigrazione CGIL Caserta, Aniello Zerillo Presidente Ass. Nero e Non Solo, Angelo Ferrillo Responsabile Immigrazione Ass. ARCI Caserta, Maria Teresa Terreri Direttore CIDIS ONLUS.

La finalità - sottolinea il Presidente della Confapi Caserta Domenico Orabona - è di affrontare alcuni temi legati all’inserimento lavorativo degli immigrati nel tessuto produttivo casertano, mettendo al centro del dibattito le esigenze degli immigrati, e i vantaggi per le imprese di utilizzare la forza lavoro che essi rappresentano. Si tratta – sottolinea Orabona - di una opportunità per il sistema economico locale di sostenere politiche attive per una reale integrazione delle diverse comunità nell’ambito del tessuto economico e sociale della Provincia, attraverso un processo che tenda a valorizzare le differenze e le diversità senza alcun pregiudizio di sorta.

Per la Presidente APID Caserta Valeria Barletta – è un’occasione unica, alla luce della rilevanza nazionale dell’evento, grazie al sostegno e alla presenza dell’UNAR, per fare emergere oltre alle necessità per attuare l’integrazione nel mondo del lavoro degli immigrati, una strada, in linea anche con i percorsi di legalità sviluppati dalle istituzioni, per arrivare a degli accordi concreti per sostenere l’emersione del lavoro nero, combattere le discriminazioni razziali e costruire una serena convivenza tra cittadini di diversa cultura.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©