Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Imprese giovani per far crescere il tessuto sociale

Confapi, legalità a Napoli: Impresa... Possibile


.

Confapi, legalità a Napoli: Impresa... Possibile
24/03/2011, 12:03

Napoli - Legalità nel mondo delle imprese giovanili per far crescere il tessuto sociale ed economico cittadini: questi i temi dibattuti presso la Camera di Commercio di Napoli in un convegno dedicato ai giovani che vogliono fare impresa sul nostro territorio.
L’incontro voluto e patrocinato da CONFAPI Campania vede nel Presidente Angelo Bruscino il suo traghettatore. Questi al binomio : legalità/impresa dichiara “ Parlare di legalità a Napoli non è un semplice luogo comune, ma è un dovere ed un importante strumento che deve caratterizzare l’ impegno dei singoli uomini, dei cittadini, dei professionisti e degli imprenditori. Solo promuovendo la cultura del legale e conseguendo dati positivi, che pur tra mille difficoltà ci sono, si può realmente tentare di migliorare la qualità del nostro territorio, evitando fughe di capitali e di uomini, impoverendo Napoli rendendola, sempre più
Facile preda di economie sotterranee, a scapito dei servizi e della sana concorrenza tra soggetti imprenditoriali. Ai giovani che si affacciano al fare impresa Bruscino consiglia: “ Cervello, Fiducia e Sogno.
Presente al convegno il prefetto di Napoli Andrea De Martino, che puntualizza quanto sia necessario e fondamentale rafforzare le sinergie tra cittadini ed istituzioni; e quando parla di istituzioni punta l’ attenzione sugli organi di polizia intesi come: Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Esercito e Polizia Municipale che svolgo un eccellente opera di contrasto alla criminalità, e puntualizza sul come questi siano impegnati, con ottimi risultati, alla lotta alla contraffazione cancro principale delle imprese; quindi si compiace e si congratula con la polizia per
come stanno conducendo da giorni l’ opera di bonifica di Via Toledo, arteria commerciale storica della città, con marciapiedi invasi quotidianamente da bancarelle improvvisate e non autorizzate e che talaltro vendono ogni tipo di FALSO, rendendo quasi sempre impossibile il passaggio dei pedoni in una area a loro destinata. Qui entrerebbe in gioco il cittadino che potrebbe sensibilmente ridurre il fenomeno della contraffazione sfavorendo l’ Offerta: in che modo? Semplicemente facendo precipitare la Domanda senza acquistare più, sebbene economicamente vantaggiosi, prodotti taroccati, scarpe, borse, CD, capi di abbigliamento ecc…
A tal proposito Il prefetto Andrea De Martino ci svela che è pronta una serie di provvedimenti a carico di chi compra materiale contraffatto e alimenta cosi il dilagare dell’ illegalità.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©

Correlati