Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

La polemica con il Comune sulle luminarie di Natale

Confcommercio, Russo scrive a Napolitano


Confcommercio, Russo scrive a Napolitano
20/12/2012, 15:41

NAPOLI  - Una lettera al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano e al prefetto di Napoli, Francesco Antonio Musolino per chiedere un intervento energico per il capoluogo partenopeo e la sua provincia che preveda una maggiore presenza delle forze dell’ordine sul territorio. Scende in campo così il presidente di Confcommercio, Pietro Russo: l’obiettivo, come lui stesso sottolinea, è quello di raggiungere il ripristino della legalità.

“Bisogna restituire quanto prima sicurezza ad una città morente, soffocata dalla micro e macrocriminalità, dalla contraffazione e dall’abusivismo. Le forze dell’ordine – sottolinea Russo -  fanno quanto possono nelle loro possibilità, ma è evidente la recrudescenza della criminalità che investe tanto le periferie quanto il centro. A pagarne le spese è la popolazione e l’economia sana della città, in primis i commercianti, già scottati dalla crisi. E necessaria una maggiore presenza sul territorio, coinvolgendo gli operatori della sicurezza dislocati negli uffici”.

E l’occasione per Russo diventa utile anche per bacchettare il Comune di Napoli, reo a suo avviso di aver agito senza alcuna concertazione per l’istallazione delle luminarie di Natale.

“La Camera di Commercio ha finanziato con 200mila euro l’illuminazione della città, per rendere questo Natale meno scuro. Di concerto – spiega il presidente di Confcommercio – erano state indicate le strade e le arterie da illuminare,  quelle che confluiscono con la via del commercio. Con nostro rammarico, però, abbiamo scoperto che ancora una volta l’amministrazione comunale ha variato la collocazione delle luminarie senza alcuna consultazione. In questo modo – prosegue Russo – sono stati incredibilmente esclusi importanti assi viari quali Corso Garibaldi, via Pessina, via Guglielmo San Felice e via Foria”.

Insomma, un modus operandi che per il presidente di Confcommercio conferma una impostazione unilaterale e scarsamente democratica del comune di tener conto dei suggerimenti altrui.

Confcommercio ha presentato, tra le altre cose anche il magazine “Confcommercio Informa”, realizzato dall’associazione alla scopo di dare vita ad una finestra informativa per le imprese sui principali avvenimenti in città e provincia. Particolare attenzione si intende dare alle questioni di interesse del mondo imprenditoriali, oltre agli aggiornamenti di carattere tecnico informativo riguardanti le categorie rappresentate.   

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©