Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Succede a Gianni Lettieri, presidente in carica per 6 anni

Confindustria Napoli: Graziano è il presidente

Eletto con il 98% dei voti

.

Confindustria Napoli: Graziano è il presidente
17/12/2010, 08:12

Dopo aver incassato per ben due volte il 100% dei consensi della giunta, Paolo Graziano ha ottenuto il 98 % delle preferenze tra gli associati a Confindustria Napoli, succedendo così a Gianni Lettieri nel ruolo di presidente degli industriali della provincia di Napoli. Paolo Graziano è intervenuto dopo il passaggio di consegne dell’ex presidente Lettieri con un discorso che ha riassunto in breve le direttive che lui e la sua squadra seguiranno in questi anni per rilanciare il tessuto imprenditoriale campano. Una folla gremita di imprenditori nella sala d’Amato della storica sede di Confindustria Napoli ha accolto con un lungo applauso il nuovo presidente e la sua squadra. Un mandato davvero difficile il suo, se consideriamo la difficile situazione in cui versa lo stato economico campano, se consideriamo il primato negativo nella classifica del reddito procapite ed il tasso di occupazione che precipita sempre di più. Una giunta d’alto profilo, così come anticipato nei giorni scorsi dalla Julie, che avrà il compito di potenziare le infrastrutture utili allo sviluppo delle imprese, che si è assunta l’onere di posizionare sui mercati mondiali le piccole e medie imprese partenopee penalizzate sempre di più dalla grave crisi economica globale e dalla pessima immagine attribuitagli dalla perenne emergenza rifiuti. L’auspicio del presidente Paolo Graziano è quello di poter contribuire finalmente allo sviluppo del tanto atteso piano Sud, che prevede lo scioglimento dei nodi storici inerenti il gap infrastrutturale, la scarsa qualità dell’informazione, i limiti negli investimenti per la ricerca, la sicurezza del territorio e delle aziende che quotidianamente vi operano. La riforma delle ASI, il potenziamento del marketing territoriale e la cooperazione con le istituzioni rappresentano altre aree d’intervento che dovranno essere implementate per poter garantire una crescita del benessere generale con il fine di poter sconfiggere il malaffare che in tempi di crisi prolifera, penalizzando sia chi vive sul territorio “inquinato” sia chi si sforza nel fare impresa tra mille difficoltà logistiche e burocratiche. Un discorso pregno di positività è stato quello di Paolo Graziano, la sua giunta di alto profilo avrà l’arduo compito di aumentare la qualità delle aziende associate, di potenziare quel mix vincente del tessuto imprenditoriale partenopeo composto sia da multinazionali che da piccole e medie imprese, che puntano ad un direttivo di Confindustria più attento al miglioramento della rappresentatività nella penisola e nel mondo del tessuto imprenditoriale campano che, secondo quanto annunciato dal nuovo presidente, avvertiranno da subito dei cambiamenti nel settore del’ICT con una penetrazione maggiore sul mercato dei servizi connessi alla banda larga e con un miglioramento delle infrastrutture che nascerà da un nuovo accordo con l’ACEN. Buona fortuna al presidente Graziano ed alla sua squadra.

Commenta Stampa
di Livio Varriale (video Nando Cirella)
Riproduzione riservata ©