Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

I sindacati: occorre rivedere industria e sanità

Confindustria: nuove proposte per la Manovra Economica


.

Confindustria: nuove proposte per la Manovra Economica
15/07/2010, 14:07

NAPOLI - Dare maggiore respiro al settore industriale e a quello sanitario. Rivedere la struttura urbanistica. Risolvere il deficit finanziario. Sono questi i punti principali su cui occorre interrogarsi prima dell’avvio della Manovra economica. A parlarne sono stati i rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil riunitisi nella sede di Confindustria Campania.
Nel programma in esame, un tavolo di trattative aperto sia con la Regione che con il Governo e che faccia da supporto alla realizzazione di un nuovo piano strategico in cui le aziende del territorio siano messe finalmente in primo piano. “Chiederemo prima di tutto a Caldoro di rivedere il piano sanitario” – ha spiegato il presidente di Confindustria Campania Giorgio Fiore –“Ci auguriamo che lui, prima della firma con il Governo, faccia rivedere i parametri per il prossimo anno. Poi ci occuperemo del comparto industriale e dell’urbanistica. Infine, speriamo di avere l’aiuto del Prefetto per modificare il sistema del credito, così da incentivare lo sviluppo delle aziende”.
L’idea, condivisa anche dai sindacati, è quella insomma di “fare squadra”, così da riuscire ad utilizzare finalmente le risorse che per anni sono state trattenute in Regione: “La crisi è talmente ampia che gli interessi delle varie parti non possono essere ignorati” – ha aggiunto Anna Rea, segretaria generale Uil Napoli e Campania –“Il Governo non può pensare che il Sud sia un drenaggio, il tempo delle carte e delle verifiche è già passato”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©