Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Le stime per il 2010 e il 2011 sono in salita

Confindustria: persi 500 mila posti di lavoro, ma l'Italia è in crescita


Confindustria: persi 500 mila posti di lavoro, ma l'Italia è in crescita
24/06/2010, 11:06

ROMA - Secondo il Centro Studi Confindustria, stiamo uscendo dalla crisi. Infatti nel nuovo rapporto sulle stime, si prevede che nel 2010 l'aumento del Pil sarà pari all'1,2%, contro l'1,1% previsto in precedenza; nel 2011 si arriverà addirittura all'1,6%, contro l'1,3% previsto in precedenza. Non altrettanto bene andranno le cose dal punto di vista occupazionale. Certificata la perdita di 528 mila posti di lavoro nel settore industriale tra il 2008 e il 2009, anche nei prossimi anni la disoccupazione continuerà a salire, non sono nelle industrie, ma in generale in tutta Italia.
In realtà è un quadro contraddittorio. Infatti, anche se nel rapporto si dichiara di avere valutato l'effetto depressivo che avrà sull'economia la manovra finanziaria in via di attuazione (pari ad una riduzione del Pil dello 0,4% annuo), appare difficile pensare che l'aumento della disoccupazione non avrà un ulteriore effetto depressivo sull'economia italiana, aumentando lo stop ai consumi che affligge la nostra economia dal 2008.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©