Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

"Speriamo di poterci rimettere mano dopo l'approvazione"

Confindustria: "Questa riforma del lavoro è una boiata"

Squinzi: "L'Italia è quella messa peggio in Europa"

Confindustria: 'Questa riforma del lavoro è una boiata'
19/06/2012, 17:06

ROMA - La riforma del lavoro “è una boiata” ma “non possiamo fare altro che prenderla così com’è perché dobbiamo presentarci al summit europeo del 28 giugno con una proposta approvata. E’ il giudizio del presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, che esprime l’auspicio di cambiare il provvedimento successivamente all'approvazione. “Speriamo di poterci rimettere mano”, e aggiunge: “Stiamo cercando di moderare i toni perchè non vogliamo creare complicazioni”. “I problemi grossi sono in Italia, altre aree stanno riprendendo un percorso di crescita”, sottolinea ancora il presidente di Confindustria, Squinzi, che spiega: ''Il problema siamo noi in Italia perchè abbiamo voluto rientrare in maniera troppo rapida, sproporzionata alle nostre forze'” sul fronte dei conti pubblici, deprimendo i consumi. “E’ un momento veramente complicato, come tutti noi che abbiamo come riferimento il mondo dell'edilizia ben sappiamo”, ha detto Squinzi parlando all'assemblea degli industriali del settore dei laterizi. “Noi che facciamo chimica per l'edilizia abbiamo avuto un inizio d'anno veramente disastroso: una situazione di questo tipo nella mia azienda non l'avevo mai vista in 60 anni”, aggiunge riferendosi alla sua esperienza personale di imprenditore. E sottolinea: “E’ una situazione tipica di questo Paese, in altri non vediamo questi numeri”.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©