Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

CONTI PUBBLICI: DEFICIT AL 2,1% PER I PRIMI 9 MESI DELL'ANNO


CONTI PUBBLICI: DEFICIT AL 2,1% PER I PRIMI 9 MESI DELL'ANNO
09/01/2009, 10:01

L'ISTAT ha reso noto i dati sul deficit pubblico per i primi 9 mesi dell'anno, che dimostrano come il governo italiano abbia sbagliato le previsioni, finora. Infatti, nei primi 9 mesi del 2008 il rapporto tra deficit pubblico e PIL è stato del 2,1% contro l'1,2% del 2007 e l'1,9% previsto dal governo. Inoltre c'è da considerare che il fabbisogno statale, negli ultimi tre mesi, è cresciuto in maniera esponenziale, se si pensa che nelsolo mese di dicembre è aumentato di quasi 40 miliardi. Il che, unito al fatto che ci si aspetta nel quarto trimestre un aumento del PIL negativo, lascia presagire che non evrrà raggiunto l'obiettivo fissato dal governo di contenere il rapporto deficit/PIL al 2,6%, come previsto dal governo nella finanziaria di luglio.

Analizzando i dati più nel dettaglio, l'ISTAT fa notare che tra gennaio e settembre 2008, le entrate sono aumentate del 3,1% (però c'è stata una riduzione delle entrate in conto capitale del 19%) e le uscite del 3,9%. L'avanzo primario, cioè la differenza tra entrate ed uscite al netto degli interessi sul debito pubblico è in forte calo, dal 3,8% del 2007 al 3% del 2008.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©