Economia e finanza / Economia

Commenta Stampa

Meno dell'anno scorso, ma più di quanto richiesto dalla Ue

Conti pubblici: nei primi 9 mesi il deficit al 4,3% del Pil


Conti pubblici: nei primi 9 mesi il deficit al 4,3% del Pil
11/01/2012, 14:01

ROMA - Sono stati resi noti i dati ufficiali dei conti pubblici italiani per i primi nove mesi del 2011. Il deficit del solo terzo trimestre dell'anno è del 2,7% del Pil, mentre nell'insieme dei primi nove mesi dell'anno il deficit ha raggiunto il 4,3%. Un valore inferiore a quello dei primi nove mesi del 2010 (il deficit allora era del 4,6%) ma superiore a quanto ci richiede l'Unione Europea (3,5%). In altri termini, nell'ultimo trimestre del 2011 dovremmo aver avuto un deficit negativo pari a circa 12 miliardi di euro.
Aumenta il saldo primario (cioè la differenza tra entrate ed uscite, al netto degli interesi sul debito pubblico), a causa delle tante tasse introdotte dal governo Berlusconi: +6,6 miliardi, contro i 2,1 miliardi del 2010. SI tratta del miglior risultato dai tempi del governo Prodi, quando si raggiunse il 3,8% all'inizio del 2008.
Aumentano dell'1,4% le entrate fiscali, che raggiungono il 43,7% del Pil nel terzo trimestre del 2011, mentre nei primi nove mesi dell'anno raggiungono il 43,2% del Pil.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©